Ozono: superata ieri la soglia di informazione, nessun allarmismo

Ieri alle 18, la stazione per la rilevazione della qualità dell'aria di Montecucco ha registrato un superamento della soglia di informazione per l’ozono. Necessario mangiare più frutta e ridurre l'attività fisica all'aperto. Ma già da oggi è previsto un ridimensionamento del livello

L’assessorato all’Ambiente comunica che giovedì 23 luglio alle ore 18.00,  la stazione per la rilevazione della qualità dell'aria di Montecucco ha registrato un superamento della soglia di informazione per l’ozono, fissata dalla normativa a 180 mg/m3, raggiungendo, per la media oraria, la concentrazione  massima di 195 mg/m3.  Per la concentrazione media sulle 8 ore il massimo valore raggiunto è pari a 169 mg/m3.

Gli effetti a breve termine dell’esposizione ad elevate concentrazioni di ozono sono valutabili in irritabilità del sistema respiratorio, riduzione della funzione polmonare, aggravamento dell’asma e di altre malattie respiratorie, infiammazione  delle vie respiratorie.

I gruppi di persone particolarmente sensibili all’ozono sono i bambini, soggetti a più alto rischio, le persone con malattie respiratorie (asma, broncopneumopatie croniche), gli adulti che per motivi di lavoro o sport fanno attività fisica all’aperto, persone con particolare suscettibilità all’ozono.
  I soggetti più a rischio sono i bambini e chi ha problemi respiratori  

Per concentrazioni di ozono comprese tra 121 e 180 mg/m3 per tutti, ed in particolare per i soggetti a rischio, è opportuno ridurre il più possibile l’esposizione all’ozono, ad esempio ventilando gli ambienti domestici e cercando di svolgere i lavori pesanti o le attività sportive nelle ore più fresche (mattino e sera).
Per concentrazioni di ozono comprese tra 181 e 240 mg/m3  si raccomanda: nelle ore più calde e di massima insolazione (usualmente 12-17):
ai soggetti a rischio di evitare di  svolgere attività fisica, anche moderata, all’aperto ;
a tutti i cittadini di evitare di  svolgere attività fisica intensa;
  Oggi è comunque prevista una diminuzione delle concentrazioni di ozono  

E’ sempre comunque opportuno adottare un’alimentazione adeguata, integrando la dieta con cibi che contengono sostanze antiossidanti poiché l’ozono riduce la concentrazione di sostanze antiossidanti, quali ad esempio:
acido ascorbico (vitamina C): agrumi, ribes, fragole, kiwi, pomodori, peperoni, patate;

vitamina E o tocoferolo: (costituisce la prima linea di difesa per salvaguardare le membrane): germogli di grano e/o di soia, lecitina di soia, olio di fegato di merluzzo, olio di semi di girasole, di soia di mais crudi;

selenio: (seconda linea di difesa contro la formazione dei perossidi e l´irrancidimento dei lipidi di membrana; favorisce inoltre l´assorbimento intestinale di vitamina E): pesce, legumi, carne, aglio.

fibre: cereali e prodotti da forno integrali, crusca, frutta e verdura fresche.
 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Frontale a Castellarquato: muore un uomo, altre due persone sono gravissime

  • Travolto da un Tir mentre cammina al buio sul cavalcavia, 24enne in fin di vita

  • Scontro Cavanna-Burioni sull’utilizzo della idrossiclorichina per combattere il Covid

  • Frontale lungo la Provinciale, muore in auto di fianco alla moglie

  • Nuovo Dpcm: Conte ha firmato, che cosa cambia da domani

  • Come non sporcare la mascherina con il trucco

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento