Parata per la Festa della Repubblica, dopo anni i piacentini tornano in piazza

Per la prima volta nella nostra città per celebrare il 71esimo anniversario della Repubblica Italiana è stata organizzata una parata militare che è partita alle 11 da piazzale Milano per arrivare in Piazza Cavalli. Il prefetto: «Il Tricolore rappresenta la nostra storia e il futuro dei nostri giovani»

La parata in viale Risorgimento (foto gisimage)

Dopo anni i piacentini sono tornati in piazza in centinaia per festeggiare la festa della Repubblica. Per la prima volta nella nostra città per celebrare il 71esimo anniversario della Repubblica Italiana è stata organizzata una parata militare che è partita alle 11 da piazzale Milano per arrivare in Piazza Cavalli. L'evento ha riscosso un grande successo: centinaia i piacentini entusiasti che hanno applaudito al passaggio dei plotoni dei carabinieri, dei carabinieri forestali, della polizia, presente anche con due agenti del reparto a cavallo di Milano, della polizia penitenziaria, dell'esercito, della protezione civile, dei vigili del fuoco, associazione d'arma combattentische, della guardia di finanza, delle unità cinofile di soccorso e della Croce Rossa. L'intera cerimonia è stata organizzata e coordinata dal Polo di Mantenimento Pesante sotto la direzione del capitano Antonio Boemio. Il corteo è stato aperto dagli alunni del “Consiglio di Circolo dei bambini” del IV Circolo di Piacenza e dal coro Coro Angelo Genocchi della Scuola Media Statale Italo Calvino che hanno tenuto in mano la banidera italian. Presenti anche l'Orchestra del Liceo Gioia e la Banda Ponchielli.  In piazza Cavalli il prefetto Anna Palombi ha letto il messaggio del presidente della Repubblica e poi sono stati premiati i cittadini italiani, militari e civili, deportati e internati nei lager nazisti e destinati al lavoro coatto per l’economia di guerra e sono state conferite le onorificenze dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana. «Il tricolore rappresenta la storia di tutti coloro che con dedizione, eroismo e passione hanno onorato l'Italia, e rappresenta il futuro della nuove generazione», ha dichiarato il prefetto. Presenti le massime isituzioni civili, militari e politiche della città. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Carla non ce l'ha fatta, il suo alpino Stefano la piange dopo la serenata davanti all'ospedale

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

  • Con la caldaia rotta accendono il gas per scaldarsi, famiglia intossicata

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

  • Nuova ordinanza della Regione: aperti i negozi nei festivi. Ma si rimane in fascia arancione

Torna su
IlPiacenza è in caricamento