Pecore massacrate dai lupi a Travo, l'allarme di Coldiretti: «Trovare una soluzione»

Bisi (Coldiretti): «Una vera e propria strage è quella che si è presentata ai nostri allevatori che in queste mattine hanno visto i loro animali massacrati dai lupi». Fortinelli: «Bisogna aspettare che questi lupi attacchino le persone per capire che è un fenomeno che ci sta scappando di mano?»

Una delle pecore uccise

“Una vera e propria strage è quella che si è presentata ai nostri allevatori che in queste mattine hanno visto i loro animali massacrati dai lupi”. Con queste parole il Presidente di Coldiretti Piacenza Luigi Bisi non riesce a contenere la rabbia per l’accaduto.

Due aziende delle prime colline di Travo hanno avuto i propri allevamenti distrutti da questo animale selvatico, ben 18 capi tra agnelli, capre e pecore. “Proprio nei giorni scorsi, sottolinea Adriano Fortinelli responsabile del settore caccia per Coldiretti Piacenza, siamo stati rassicurati dall’amministrazione provinciale che si sarebbe arginato il fenomeno e come una beffa i lupi, hanno colpito e ucciso. Si parla di specie protetta… Bene… ma i nostri animali chi li protegge. Bisogna aspettare che questi lupi attacchino le persone per capire che è un fenomeno che ci sta scappando di mano. E’ assolutamente necessario trovare una soluzione. Non si tratta solo di tutelare l’economia di aziende ma della sicurezza delle persone”.

La cosa preoccupante è che la presenza del lupo non è più circoscritta a territori di alta montagna ma, come dimostrato da questi ultimi eventi, interessa l’intero territorio basso collinare dove, dopo cinghiali e caprioli diventano sempre più consuete le presenze dei lupi in prossimità dei centri abitati.

Ciò crea inevitabilmente situazioni pericolose non solo per gli animali al pascolo delle aziende zootecniche ma anche per gli automobilisti che, sempre più spesso, impattano contro questi selvatici. La situazione ormai non è più sostenibile: piccoli allevamenti di pregio, spesso impossibilitati ad applicare misure di prevenzione per ragioni tecniche o economiche, vedono la costante perdita di animali e con essi l’unico reddito fonte di sostentamento familiare. E’ facile dunque intuire che questi attacchi mettono a rischio la presenza stessa di quei già pochi allevatori che con tenacia hanno resistito ad anni di dura crisi continuando comunque ad investire sul nostro territorio.

Per Coldiretti Piacenza dunque il tema dei danni da fauna selvatica in agricoltura rimane un fronte particolarmente caldo: “Ci siamo fatti portavoce delle aziende associate, ed in particolare di tutte quelle imprese che svolgono la propria attività in zone collinari e/o montane e vedono il frutto del loro lavoro e dei loro sacrifici messo a repentaglio dalla fauna selvatica” prosegue Bisi. “Si tratta di una vera e propria emergenza causa di un clima di tensione e sfiducia tra le imprese agricole, che lamentano un eccessivo peso dei danni e un insufficiente risarcimento degli stessi da parte degli enti preposti”. Per il bene comune, per la sicurezza stradale e per la sopravvivenza delle aziende su un territorio dalle potenzialità inestimabili è assolutamente prioritario monitorare la situazione e prevedere delle misure di prevenzione più adeguate.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Ci spiacerebbe, conclude Bisi, dopo questo ennesimo episodio leggere il “solito” commento degli animalisti che dicono “povero lupo”… Ma ai poveri agnelli chi ci pensa? La scena che si è presentata stamattina ai nostri allevatori e che possiamo documentare con diverse foto era davvero assurda. Questi agnelli sono morti straziati. Per noi va bene tutelare il lupo, ma non possiamo più tollerare di sfamarli con i nostri animali”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scontro tra due camion in autostrada, muore 56enne piacentino

  • Si schianta in moto contro un'auto che fa inversione, giovane all'ospedale

  • Norme anti covid, multati due locali aperti dopo mezzanotte. Nei guai anche un cliente senza mascherina

  • Sbanda con l'auto e si ribalta, è grave

  • Ladri sfondano l'ingresso e portano via le bici da corsa, fallisce il colpo da Raschiani

  • Incidente a San Rocco, chiuso temporaneamente il ponte di Po

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento