menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La videoconferenza

La videoconferenza

«Per contrastare il disagio giovanile è necessario coinvolgere anche le famiglie dei ragazzi»

Incontro in videoconferenza tentato dalla Prefettura: «Problema acuito dagli effetti della pandemia in corso, origine anche di episodi di intemperanza che hanno visto protagonisti gruppi di giovani»

«Per contrastare il disagio giovanile è necessario coinvolgere non solo i ragazzi ma anche le rispettive famiglie». E' emerso la mattina dell'11 marzo durante una riunione, presieduta dal Prefetto Daniela Lupo, in videoconferenza della IV Sezione “Servizi alla Persona e alla comunità” della Conferenza Permanente per l’approfondimento della tematica del disagio giovanile. «La riunione - spiega la prefettura di Piacenza in una nota - ha costituito l’occasione per una prima analisi delle segnalazioni provenienti dai sindaci del territorio sulla tematica del disagio giovanile, acuito dagli effetti della pandemia in corso, origine anche di episodi di intemperanza che hanno visto protagonisti gruppi di giovani, nonché per una verifica delle iniziative già poste in essere». Al riguardo, lo scorso 19 febbraio, la prefettura ha sottoscritto il protocollo relativo al progetto “#eorastudio”, stilato dalla Diocesi di Piacenza e che vede il coinvolgimento della Provincia di Piacenza e della Fondazione di Piacenza e Vigevano, cui farà seguito prossimamente il rinnovo del “Protocollo per il Disagio giovanile”, volto alla creazione di un modello operativo e innovativo di dialogo intergenerazionale ed interistituzionale per la prevenzione strutturale del disagio giovanile, che coinvolgerà Provincia, Comune, Ufficio Scolastico Provinciale, Consulta provinciale degli studenti, Ausl e le associazioni dei genitori. 
A tali iniziative si è aggiunta anche quella per il dialogo interreligioso che, attraverso le rappresentanti delle varie comunità religiose e la Consulta provinciale degli studenti mira, tra l’altro, a favorire il dialogo con le famiglie provenienti da differenti contesti culturali e territoriali.
Nel corso dei lavori del tavolo odierno, tutte le componenti hanno convenuto circa la necessità di coinvolgere nelle iniziative adottate e in quelle in via di adozione, non solo i ragazzi ma anche le rispettive famiglie, utilizzando quali canali privilegiati di sensibilizzazione la realtà delle scuole, delle parrocchie e delle associazioni anche sportive, nonché di continuare a svolgere una attività di analisi e di ascolto per meglio intercettare  le cause del disagio e individuare insieme le azioni più efficaci per corrispondere all’esigenza di socialità.
Si è registrata, altresì, la convergenza circa l’opportunità di promuovere i predetti progetti attraverso campagne comunicative sui social più utilizzati dal mondo giovanile (Facebook, Instagram, TikTok) in modo da garantirne una più capillare conoscenza da parte dei diretti interessati, con il coinvolgimento diretto delle scuole, nella loro autonomia, cui va il ringraziamento per l’attività svolta anche con la didattica a distanza.  

Alla riunione hanno partecipato il vescovo di Piacenza, il presidente della Provincia, i sindaci dei comuni Capi dei Distretti Socio-Sanitari di Castelsangiovanni e Fiorenzuola, il procuratore della Repubblica, il questore, il comandante Provinciale dei carabinieri, il comandante provinciale della Guardia di Finanza, il rappresentante dell’Ufficio Scolastico Provinciale e una rappresentanza del mondo delle cooperative.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

«Il giardino di via Negri è un ritrovo di spacciatori»

Attualità

Usb: «Non saremo con i Si Cobas davanti alla Cgil»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento