menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
foto web

foto web

Per tre mesi i rifiuti di Genova bruceranno a Piacenza: 200 tonnellate al giorno

Nel pomeriggio del 21 luglio dovrebbe essere siglata l'intesa tra le due Regioni per affrontare l'emergenza del conferimento dei rifiuti genovesi dopo la chiusura della discarica di Scarpino. Si tratterebbe di 200 tonnellate al giorno

Duecento tonnellate di rifiuti liguri al giorno smaltite per tre mesi nel termovalorizzatore di Piacenza. Nel pomeriggio del 21 luglio dovrebbe essere siglata l'intesa tra Emilia Romagna e Liguria per affrontare l'emergenza del conferimento dei rifiuti genovesi dopo la chiusura della discarica di Scarpino. Lo spiega l'assessore al Ciclo dei rifiuti della Regione Liguria Giacomo Giampedrone a Genova a margine dei lavori del consiglio regionale.

«E' una fase ancora di trattativa con l'Emilia, quindi non ci sbilanciamo troppo, una fase ben avviata, c'è la disponibilità dell'Emilia Romagna a ragionare - spiega - La situazione si è venuta a creare a seguito del blocco delle autorizzazioni nell'impianto di smaltimento in Piemonte che accoglieva i rifiuti genovesi fino a pochi giorni fa e che li riaccoglierà appena sciolto il nodo dell'autorizzazione ambientale». Con la scelta di Piacenza i rifiuti genovesi nei prossimi due-tre mesi non passerebbero cosiì dall'inceneritore di Parma per scongiurare l'ostruzionismo del M5S, secondo alcune voci raccolte a margine del consiglio regionale. (Ansa)

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Case di riposo, quaranta ospiti in tutto il Piacentino rifiutano il vaccino

  • Cronaca

    In futuro vaccinazioni anche a Bobbio e a Bettola

Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento