menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Personale della scuola, a metà screening i casi positivi registrati sono zero

Nei prossimi giorni terminerà lo screening di 5500 persone tra docenti e personale del mondo della scuola. Pochi contagi (0,3-0,4%) nel settore della logistica e della lavorazione carni

Sono 5518 i docenti, dipendenti e collaboratori del mondo della scuola sottoposti allo screening voluto dalla Regione Emilia-Romagna e dall’Ausl di Piacenza per la ripartenza in classe fissata per il prossimo 14 settembre. I dati completi verranno diffusi al termine dello screening, previsto nei prossimi giorni, ma il direttore generale Ausl Luca Baldino ha voluto anticipare – a metà screening – un primo bilancio. «A metà dei tamponi effettuati possiamo dire che non sono stati trovati positivi. Abbiamo zero casi. Questo ci conforta molto. Possiamo ben capire da questo dato quanto il tema dei contagi sia relativo soprattutto ai rientranti dalla vacanze estive».

Manca poco alla prima campanella. «Stiamo monitorando la situazione con la massima attenzione. Stiamo ancora ragionando sulle linee guida regionali per la ripartenza della scuola. La prossima settimana informeremo al meglio i piacentino, prima ci dedichiamo al completamento dello screening del personale».

Anche gli studenti verranno sottoposti a possibili screening? «Non lo sappiamo ancora, non ci sono state date ancora queste indicazioni. L’azienda è comunque molto pronta per qualsiasi screening, anche nei confronti degli studenti». Qual è la capacità della provincia piacentina di sottoporre ai tamponi la cittadinanza? «Per i test – risponde Baldino - siamo completamente autonomi, ne facciamo 5mila-6mila a settimana, ma siamo capaci di farne anche di più senza appoggiarci alle altre province».

LO SCREENING SUI LAVORATORI DELLA LOGISTICA E DEL SETTORE CARNI

Sempre la prossima settimana la Regione Emilia-Romagna diffonderà i dati su Piacenza e Rimini dello screening di massa effettuato a partire da giugno sulla popolazione piacentina. Intanto emergono le prime rilevazioni. Ad esempio su 8.387 lavoratori piacentini della logistica coinvolti dallo screening, sono stati riscontrati 29 positivi (0,3%). Su 993 lavori del settore carni, solo 4 (0,4%).

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

«Allargare la cava significa più inquinamento per la zona»

Attualità

Sanità, venerdì 9 aprile presidio di fronte all'Ospedale di Piacenza: «Servono risorse, non solo parole»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento