Stalking a Piacenza, 70enne perseguita commessa: chiodi sotto le gomme dell'auto

Ossessionato da una 37enne, commessa in città, un pensionato piacentino di 70 anni era arrivato a metterle un rilevatore gps sotto la macchina per controllarla. La pedinava, la seguiva, le aveva danneggiato l'auto. Denunciato

Lo strumento gps ritrovato
"Aiutatemi vi prego, Ormai questa storia è diventata un'ossessione. Ovunque io vada trovo quell'uomo. E' come se conoscesse tutti i miei spostamenti". E' così che di recente una donna piacentina di 37 anni si è rivolta ai carabinieri al culmine di una serie di molestie e atti persecutori, per i quali è stato ora denunciato un suo spasimante, un pensionato piacentino di 70 anni.

CHIODI SOTTO LE GOMME - Il quale è incappato nel nuovo reato di stalking dopo averne combinate di ogni, come installare dei dispositivi rilevatori gps sotto l'auto della donna per tenerla sotto controllo in ogni suo spostamento, o averle messo di notte dei chiodi sotto le ruote per squarciarle le gomme non appena l'auto si muoveva. Insomma, una serie di atti persecutori che rientrano a tutti gli effetti nella discipline sullo stalking, accolta non tanto tempo fa anche dall'ordinamento italiano.

GPS - A occuparsi del caso sono stati i carabinieri del Nucleo investigativo di Piacenza comandati dal capitano Rocco Papaleo, ai quali si è appunto rivolta la 37enne, impiegata presso un negozio di abbigliamento nel centro della città. Una mattina infatti la donna si è accorta di una strana scatoletta nera, attaccata con una calamita sotto la scocca della sua utilitaria. Un aggeggio strano, che poteva apparire anche come una bomba a distanza. In realtà si trattava di un dispositivo gps per la rilevazione della posizione.

SI ERANO CONOSCIUTI NEL SUO NEGOZIO - In pratica significava che qualcuno la stava tenendo sotto controllo a sua insaputa. Le indagini dei carabinieri hanno ben presto portato sulle tracce del 70enne, e la vittima ha raccontato come si erano conosciuti, ovvero che il pensionato frequentava spesso il negozio di abbigliamento e tra i due era nata un'amicizia, ma le aveva sempre respinto le sue avances. Non solo, ma alla luce di tutto ciò la donna si è quindi anche spiegata come mai da qualche tempo si trovasse strani chiodi sotto le ruote della macchina o altri piccoli danni alla vettura.

I BIGLIETTINI PER IL GPS - O come mai il 70enne sbucasse sempre da dietro ogni angolo. I carabinieri, perquisendo l'abitazione dell'uomo hanno trovato anche alcuni foglietti scritti a mano dove (siccome probabilmente non era molto avvezzo all'uso di dispositivi tecnologici) si era appuntato i procedimenti fondamentali per fare funzionare i rilevatori gps che probabilmente erano stati acquistati su internet. Alla fine per lui è scattata la denuncia a piede libero.
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Muore a 29 anni travolto da un furgone pirata

  • Un 28enne di Cadeo la vittima del tragico incidente a San Giorgio. E' caccia al furgone bianco

  • Scontro Cavanna-Burioni sull’utilizzo della idrossiclorichina per combattere il Covid

  • Frontale lungo la Provinciale, muore in auto di fianco alla moglie

  • Nuovo Dpcm: Conte ha firmato, che cosa cambia da domani

  • Centri commerciali chiusi nel fine settimana

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento