rotate-mobile
Cronaca

Contro la zanzara tigre “facciamoci in 4”

E' la campagna promossa dal Comune di Piacenza contro il proliferare nei mesi estivi della zanzara tigre. La lotta per ridurre il potenziale rischio sanitario dell'insetto vede impegnati il Servizio Sanitario Regionale, le Province, i Comuni e, attraverso questi enti, coinvolge tutti i cittadini. L'ordinanza del comune: eliminare l'acqua stagnante e trattare con larvicidi

E' il momento della sua massima diffusione e il momento giusto per imparare a combatterla con semplici ed efficaci accorgimenti. È la zanzara tigre, contro il cui potenziale rischio sanitario, si sono uniti il Servizio Sanitario Regionale, le Province, i Comuni.

Per quanto riguarda Piacenza, l'Amministrazione ha affidato a Enìa il compito di effettuare il trattamento larvicida dei circa 23mila tombini presenti in aree pubbliche. Il calendario concordato con i competenti Uffici dell’Ausl, prevede l’esecuzione di trattamenti con cadenza mensile. Iniziato da maggio, il trattamento sarà protratto fino al mese di settembre. L'efficacia del trattamento anti zanzara tigre viene poi misurato prelevando a campione l'acqua dei tombini e facendola analizzare da laboratori specializzati.

Ma non è solo compito del comune combattere la proliferazione dell'insetto: buona parte dell'onere spetta ai cittadini. “Poichè il trattamento delle tombinature pubbliche sarebbe del tutto inefficace se nelle aree private adiacenti non si agisse in modo analogo” spiega una nota di Palazzo Mercanti, “è stata emessa una specifica Ordinanza Sindacale (la n. 219 del 01/04/2009), che impone a tutti i cittadini di eliminare le raccolte d’acqua e di trattare con larvicidi quelle non eliminabili nelle aree di loro proprietà”.

Ecco le quattro mosse improrogabili, messe a punto dalla campagna del Comune “Contro la zanzara tigre facciamoci in 4”:

1)Partecipiamo alla lotta alla zanzara tigre;
2)Evitiamo i ristagni d’acqua e usiamo i prodotti larvicidi;
3)Proteggiamo noi stessi: evitiamo di farci pungere;
4)Informiamoci.

Nell’ambito di questa campagna sono stati stampati e distribuiti 30mila opuscoli. Spot radiofonici e manifesti forniti dalla Regione, stanno contribuendo a ricordare ai cittadini il loro impegno contro la zanzara tigre. 
Una parte attiva nell’informazione sui corretti comportamenti di contrasto all'insetto viene svolta dalle farmacie cittadine, che inoltre, grazie ad un accordo fra Federfarma, Ordine dei Farmacisti e Comune, mettono in vendita i prodotti larvicidi più diffusamente utilizzati ad un prezzo convenzionato (€ 2,70 per confezioni di 10 pastiglie).
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Contro la zanzara tigre “facciamoci in 4”

IlPiacenza è in caricamento