Dov'è il ponte di barche promesso “entro l'estate”?

E' luglio, cioè estate. Però, del ponte di barche – prima soluzione utile per rimpiazzare il ponte ceduto – non c'è ancora traccia. E in attesa di ripristinare il collegamento fra le due sponde del Po, il consigliere regionale Francesconi (Pdl) fa pressing a Bologna

Ponte di barche entro l'estate. È stata una delle affermazioni del presidente Anas Pietro Ciucci durante il vertice in Prefettura, svoltosi lo scorso 18 maggio. L'estate – è vero – non è ancora terminata, però ci si comincia a chiedere se il ponte di barche promesso, vedrà davvero la luce entro la fine della bella stagione.

Il costo preventivato a maggio era di centomila euro al mese fra noleggio e gestione. “Certo, se avessimo aiuti economici di operatori commerciali (ad esempio l'ipermercato Auchan di San Rocco al Porto che già in passato si è accollato parte dei lavori di manutenzione per renderli più celeri, ndr), questo aiuterebbe”, aveva detto Ciucci.  Lo stato di emergenza approvato alla fine di giugno dal Governo, poi, dovrebbe accelerare i lavori di realizzazione.
  Nessuna traccia, per il momento, del ponte di barche  

Sulla fattibilità di questo primo collegamento provvisorio, dunque, c'era stata volontà bipartisan: a Piacenza, favorevole al ponte di barche non c'era solo il sindaco Reggi, ma anche gli esponenti di Pdl e Lega Nord. Per il momento, però, di comunicazioni ufficiali sull'inizio dei lavori, non c'è traccia.

Per passare da Piacenza a Lodi (nella cui giurisdizione ricade il cedimento) rimane l'autostrada.

E oggi, per tenere alta l'attenzione delle istituzioni sul problema ponte, il consigliere pidiellino Dario Francesconi è tornato a fare pressing sulla Regione. “Benchè il ponte crollato non sia di competenza emiliana ma lombarda – ha spiegato Francesconi – invito la Giunta a non abbassare la guardia e a fare il possibile per fornire risposte certe agli Enti Locali ed ai cittadini in merito a tempi e costi.

“Invito la nostra Regione – ha concluso – a collaborare con tutte le Istituzioni per sveltire le pratiche, anche in relazione ai rimborsi per le alluvioni, e a non lasciare soli gli Enti Locali piacentini nel sostenere gli ingenti costi di realizzazione del ponte provvisorio e delle connesse opere viabilistiche.”


Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Frontale a Castellarquato: muore un uomo, altre due persone sono gravissime

  • Travolto da un Tir mentre cammina al buio sul cavalcavia, 24enne in fin di vita

  • Frontale lungo la Provinciale, muore in auto di fianco alla moglie

  • Nuovo Dpcm: Conte ha firmato, che cosa cambia da domani

  • Scontro Cavanna-Burioni sull’utilizzo della idrossiclorichina per combattere il Covid

  • Ennesimo tragico infortunio sul lavoro, agricoltore muore schiacciato dal trattore

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento