Piacenza è la provincia in cui si guida di più durante la notte

Presentati i risultati dell'Osservatorio UnipolSai sulle abitudini di guida in Emilia

Foto Web

“Nel 2016 è cresciuto notevolmente l’utilizzo dell’auto in Emilia Romagna: gli emiliani l’hanno usata 12 giorni in più rispetto all’anno precedente. In aumento anche i km annui percorsi in regione: circa 420 in più rispetto al 2015. Un incremento che rappresenta un ulteriore indizio della ripresa economica del Paese” - afferma Enrico San Pietro, Condirettore Generale Assicurativo UnipolSai - a commento dell’Osservatorio UnipolSai sulle abitudini al volante degli italiani nel 2016.

L’Osservatorio è stato realizzato in seguito all’analisi dei dati di circa 3,4 milioni di automobilisti assicurati UnipolSai che installano la scatola nera sulla propria autovettura, settore nel quale la compagnia è leader in Italia e in Europa per numero di apparecchi installati. Secondo i dati di UnipolSai Assicurazioni - prima compagnia in Italia nel Ramo Danni, in particolare nell’R.C. Auto - è Ferrara la provincia dell’Emilia Romagna in cui si percorrono più km annui, ben 14.637. In Emilia Romagna Ferrara è seguita da Parma (13.925 km annui) e Piacenza (13.725), mentre l’auto è meno utilizzata a Forlì-Cesena (12.514 km annui) e a Rimini (11.448).

Forlì-Cesena detiene, invece, il record di utilizzo dell’auto per più giorni durante l’anno, 294 giorni. In media in Emilia Romagna l’auto viene utilizzata per 289 giorni l’anno (7 giorni in più rispetto al 2015) con una percorrenza media di 46 km (in linea con il 2015), contro una media nazionale di 290 giorni e una percorrenza media di 43 km giornalieri. Mediamente gli emiliani trascorrono 1 ora e 20 minuti al giorno in automobile (1 minuto in più rispetto al 2015) a una velocità media di 34,2 km/h (in linea con il dato del 2015), terzo valore assoluto a livello nazionale, superiore di oltre 5 km/h rispetto alla media nazionale. Spiccano in particolare Ferrara, con una velocità media di 37,2 km/h, e Parma con 35,2 km/h. Un po’ più “faticoso” spostarsi nelle 2 province romagnole di Rimini (29,2 km/h) e Forlì-Cesena (33,7 km/h). Complessivamente un emiliano passa 16 giorni (considerando le intere 24 ore) l’anno in automobile rispetto a una media nazionale di 18 giorni.

“I dati dell’Osservatorio evidenziano una regione in cui l’utilizzo dell’auto è particolarmente radicato in tutte le province con chilometraggi significativamente superiori alla media nazionale”, sottolinea Enrico San Pietro di UnipolSai. Così come nel resto d’Italia, il venerdì è il giorno in cui gli emiliani e i romagnoli percorrono più km in auto, mentre il premio di provincia più “nottambula” spetta a Piacenza con il 4,88% dei km complessivi percorsi durante la notte. Bologna è invece quella in cui si utilizza meno l’auto tra mezzanotte e le sei del mattino (4,10% dei km totali).

Il numero di scatole nere in Italia ha raggiunto circa 6,8 milioni di unità, di cui UnipolSai detiene circa il 50%, un apprezzamento legato non solo per la possibilità di ottenere uno sconto significativo sull’RCAuto e sulla polizza Furto e Incendio per chi sceglie l’installazione a bordo della vettura. In caso di incidente, infatti, la scatola nera è in grado di registrare data e orario dell’evento, posizione Gps, velocità del veicolo ed essere in questo modo particolarmente utile in caso di contestazioni, sia in caso di sentenze del giudice sia in caso di multe non dovute. In caso di incidente grave, il dispositivo può inoltre rappresentare un reale strumento “salva vita” in quanto invia automaticamente un allarme alla Centrale. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le spaccano la faccia contro una cancellata per rapinarla della borsa

  • Scaraventano un cancello contro la polizia per scappare dopo il colpo: quattro arresti

  • Cacciatore cade in un dirupo e muore

  • L'annuncio di Bonaccini: «La regione torna “zona gialla” da domenica»

  • Cene e ritrovi clandestini in due locali, blitz della finanza: multa per tutti e attività sospesa

  • Il divieto di spostamento tra comuni non piace a nessuno: «Così non potranno vedersi genitori e figli»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento