Picchia i carabinieri dopo una rissa al bar, arrestato e rimesso in libertà

E’ stato condannato a 8 mesi di reclusione il nigeriano di 36 anni che ha aggredito i carabinieri, intervenuti per sedare una furiosa lite in un bar di Castelvetro, mercoledì 23 agosto. Il nigeriano, che ha scelto il rito abbreviato, era accusato di violenza e resistenza a pubblico ufficiale, è stato processato per direttissima dal giudice Paolo Milani. Il pm Paolo Maini ha chiesto la custodia cautelare in carcere, mentre il suo difensore, l’avvocato Corrado Prandi, ha chiesto di non convalidare l'arresto e di rimetterlo in libertà. Il giudice ha convalidato l’arresto e lo ha rimesso in libertà. Il nigeriano si è presentato in aula con l’occhio sinistro tumefatto. A picchiarlo sarebbero stati quattro romeni. Tutti i contendenti sarebbero stati ubriachi. All’arrivo dei carabinieri, il giovane africano si è scagliato contro di loro spintonandoli. Un militare ha riportato un trauma a un polso e ha avuto, al pronto soccorso, una prognosi di 5 giorni. Il difensore ha annunciato il ricorso in appello.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

  • Con la caldaia rotta accendono il gas per scaldarsi, famiglia intossicata

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

  • Farini, addio al ristoratore Adriano Figoni

  • Animale sulla strada, si ribalta con l'auto in un campo: ferito

Torna su
IlPiacenza è in caricamento