menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il torrente Riglio tra Loc. Riglio e Veggiola. (Foto di Antonella per Gruppo Protezione Civile di Piacenza)

Il torrente Riglio tra Loc. Riglio e Veggiola. (Foto di Antonella per Gruppo Protezione Civile di Piacenza)

Pioggia e vento sul Piacentino, allerta per Arda e Chiavenna

Protezione civile, vigili del fuoco e forze dell'ordine stanno costantemente monitorando dall'alba di questa mattina, lunedì 29 febbraio, la situazione dei principali fiumi e corsi d'acqua in città e in provincia

AGGIORNAMENTO ORE 21 DEL 29 FEBBRAIO - Maltempo, ecco la nota ufficiale diffusa dalla Prefettura di Piacenza
Continua ad essere monitorata la situazione connessa alle recenti avversità atmosferiche. Grazie all’intervento degli Enti preposti e del volontariato di protezione civile, gli eventi emergenziali che hanno colpito diversi comuni della provincia vengono progressivamente superati. In particolare, risultano riaperte alla circolazione le strade di collegamento per le località Paderna e Montanaro nonché la strada provinciale 587 chiuse a causa dell’esondazione del Riglio.

Attualmente risulta ancora non percorribile il tratto di strada provinciale 21 nel comune di Vernasca, nei pressi dello stabilimento Unicem. I percorsi alternativi sono segnalati in loco, i lavori per il ripristino della viabilità sono in corso e si prevede la conclusione degli stessi entro la tarda mattinata di domani. Interrotta anche la strada comunale Veggiola-Riglio, nel comune di Gropparello e anche in tal caso è assicurato un percorso alternativo.

Riaperti il sottopasso ferroviario di Chiavenna Landi, nel comune di Caorso e la strada comunale di via Villetto, di collegamento tra i comuni di Cortemaggiore e Villanova, nella località San Martino in Olza.

Per quanto concerne la diga di Mignano, la stessa sta rilasciando 45 mc/sec in diminuzione.

L’AIPO ha poi riferito che i corsi d’acqua risultano essere tornati al di sotto dei livelli di guardia e che, comunque, permane una fase di monitoraggio per la verifica delle opere idrauliche sul territorio.

Si segnala, infine, che l’Agenzia Regionale di Protezione Civile ha prolungato la fase di preallarme e di attenzione per criticità idraulica e idrogeologica da martedì 1 marzo alle ore 00.00 fino a mercoledì 2 marzo alle ore 00.00.

------------------------------------------

Protezione civile, vigili del fuoco e forze dell’ordine stanno costantemente monitorando dall’alba di questa mattina, lunedì 29 febbraio, la situazione dei principali fiumi e corsi d’acqua in città e in provincia. Dopo l’allerta meteo diffusa nei giorni scorsi dalla protezione civile dell’Emilia Romagna, nel fine settimana la pioggia è stata incessante e dalla nottata tra domenica e lunedì sono iniziati i primi interventi per alcuni allagamenti, tra cui l'utilizzo di alcune motopompe della protezione civile a Carpaneto, dove si è allagata anche la strada provinciale. A preoccupare al momento è la situazione dei fiumi anche se al momento non si registrano criticità particolari. In tutto il Piacentino si sono inoltre verificate raffiche di vento di forte entità: in alcune zone della provincia si sono superati i 60 chilometri orari, come a Pianello e Podenzano.

VALDARDA COLPITA, FRANANO ALCUNE STRADE

Dalle 8 di stamane è stata attivata la fase di allerta per l’Arda e il Chiavenna lungo tutto il loro corso. I due corsi sono straripati in diversi punti. E' stata chiusa la provinciale tra Piacenza e Cortemaggiore - proprio a causa del Chiavenna - e il ponte a Chiavenna Landi, perchè in questo tratto è a rischio esondazione. Qua, considerato il notevole innalzamento dei livelli idrometrici, il personale dell'Ufficio AIPo di Piacenza è mobilitato per far fronte alle criticità idrauliche, in coordinamento col sistema di protezione civile locale e regionale. Attenzione particolare – durante la notte – è stata riposta per il Riglio a Veggiola, a Carpaneto e San Giorgio. Nure oltre la soglia di attenzione a Farini. Anche il Tidone – con RioVescovo, Rio Loggia, rio Gragnano, Lurone e Loggia - ha destato preoccupazione. Trebbia in lenta e costante crescita.

GLI INTERVENTI DELLA NOTTE

Da questa notte dalle ore 23:30 il Coordinamento Volontariato Protezione Civile di Piacenza sta operando con 6 squadre in diverse località della nostra provincia, i disagi maggiori si sono verificati nelle zone limitrofe ai torrenti Chero Riglio e Chiavenna, dove si sono verificati diversi allagamenti di abitazioni e strade. A Castellarquato la piazza è stata chiusa, la provinciale tra Lugagnano e Morfasso all'altezza della cementeria ha subito l'erosione di una corsia, il Chiavenna ha provocato allagamenti anche in zona Caorso. Problemi anche a Paderna, allagamenti a Castruzano e Costa Pelata. Una frana ha interessato Veggiola di Gropparello. Allagamenti anche tra Vigolo Marchese e Ciriano. "Tuttora - fa sapere la Protezione Civile - numerosi volontari delle varie associazioni che fanno parte del Coordinamento stanno operando ancora in queste zone".

Trebbia-8

Trebbia-8 

(Il Trebbia)

Costa Pelata-2

Costa Pelata-3

(Costa Pelata, foto Protezione Civile di Piacenza)

Chiavenna-4

(Il Chiavenna)

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Nuovo Decreto, oggi verrà definito il colore dell'Emilia-Romagna

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    In futuro vaccinazioni anche a Bobbio e a Bettola

  • Cronaca

    Case di riposo, quaranta ospiti in tutto il Piacentino rifiutano il vaccino

  • Cronaca

    Covid-19: nel Piacentino 77 nuovi casi e sette decessi

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Case di riposo, quaranta ospiti in tutto il Piacentino rifiutano il vaccino

  • Cronaca

    In futuro vaccinazioni anche a Bobbio e a Bettola

Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento