Più garanzie per i carabinieri, in quattro trasferiti in altre carceri

A Pavia e Verbania, in sezioni dedicate agli appartenenti alle Forze dell’ordine. A Piacenza, insulti e minacce dagli altri detenuti. I militari avevano chiesto di essere trasferiti

Non sono più a Piacenza quattro dei cinque carabinieri finiti in carcere nell’ambito dell’inchiesta sulla stazione Levante svolta dalle Fiamme Gialle e dalla Polizia Locale con i sostituti procuratori Matteo Centini e Antonio Colonna coordinati dal procuratore capo Grazie Pradella.

 Quattro di loro sono stati trasferiti nelle case circondariali di Pavia e Verbania. A Pavia ci sono Giuseppe Montella (difeso dagli avvocati Emanuele Solari e Giuseppe Dametti) e Angelo Esposito (assistito dagli avvocati Mariapaola Marro e Pierpaolo Rivello). Nel carcere del capoluogo del Verbano-Cusio-Ossola si trovano Giacomo Falanga (difeso da Daniele Mancini e Paolo Molazzi) e Salvatore Cappellano (assistito da Paolo Fiori). Le due carceri hanno una sezione dedicati agli appartenenti alle Forze dell’ordine, un luogo in grado di tutelare meglio la loro incolumità e tenerli separati dai detenuti comuni. Nelle ultime settimane, infatti, i carabinieri (che si trovavano in celle singole) erano stati più volte raggiunti da insulti e minacce mentre, alle Novate, passavano vicino ad altri detenuti. Una situazione, oltre che di stress, anche di potenziale pericolo. Era stato loro proposto il trasferimento e in un primo momento era anche stato considerato il carcere militare di Santa Maria Capua Vetere.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I quattro, accusati a vario titolo di reati quali spaccio, peculato, falso, lesioni, tortura, sequestro di persona, si trovano in carcere dal 20 luglio, quando scattò l’operazione Odysséus che portò a dieci misure cautelari per altrettanti carabinieri e ad altre 13 per alcuni spacciatori. I quattro - il quinto, Daniele Spagnolo, si trova agli arresti domiciliari, dopo il ricorso al Tribunale del riesame, con l’avvocato Francesca Beoni - poche settimane fa avevano scelto di essere trasferiti proprio perché la situazione a Piacenza si stava facendo pesante per loro. Continui insulti e anche minacce di morte. Al passaggio dei militari che si recavano all’esterno per l’ora d’aria, le celle degli altri detenuti venivano chiuse.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scontro tra due camion in autostrada, muore 56enne piacentino

  • Si schianta in moto contro un'auto che fa inversione, giovane all'ospedale

  • Norme anti covid, multati due locali aperti dopo mezzanotte. Nei guai anche un cliente senza mascherina

  • Sbanda con l'auto e si ribalta, è grave

  • Ladri sfondano l'ingresso e portano via le bici da corsa, fallisce il colpo da Raschiani

  • Ennesimo tragico infortunio sul lavoro, agricoltore muore schiacciato dal trattore

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento