Coronavirus, annullata la Placentia Half Marathon 2020. «Una grande festa quando tutto ciò sarà passato»

Gli organizzatori del tradizionale evento sportivo piacentino: «Anche nella remota ipotesi in cui tutto finisse in un giorno, così come ce lo siamo ritrovato, non saremmo più in grado di organizzare la manifestazione con le stesse modalità e lo stesso stato d’animo degli anni passati»

(Repertorio)

«Anche nella remota ipotesi in cui tutto finisse in un giorno, così come ce lo siamo ritrovato, non saremmo più in grado di organizzare la manifestazione con le stesse modalità e lo stesso stato d’animo degli anni passati». Con queste parole gli organizzatori della Placentia Half Marathon danno comunicazione dell'annullamento della 25esima edizione che era prevista per il 3 maggio 2020.

«E’ molto difficile parlare di una manifestazione sportiva nel pieno dell’emergenza dettata dalla lotta al Corona Virus. Ciò che vogliamo, è trattare la questione della Placentia Half Marathon con la massima discrezione e con l’unico sincero intento di non pesare in alcun modo sulla città. Ora è il momento di concentrare ogni sforzo al superamento dell’emergenza, anche stando vicino moralmente a chi si trova in prima linea - istituzioni, sanitari, forze dell’ordine - accettando e promuovendo le regole stabilite. Anche per noi che abbiamo sempre ritenuto e promosso l’attività fisica all’aperto, è arrivato il momento di fermarsi. Non fosse altro che per dimostrare la nostra solidarietà e vicinanza nei confronti di chi stà lottando all’interno degli ospedali per salvare la propria vita o per aiutare gli altri».

«Per rispetto di tutti coloro che partecipano o contribuiscono alla realizzazione della manifestazione, non possiamo fare altro che annullare la gara: per gli atleti, perchè devono avere la possibilità di vivere una giornata di sport, in piena serenità e sicurezza; per i nostri “sponsor”, che ci hanno sempre accompagnato, ancor più che per il ritorno economico che speravano di ottenere, per stima e considerazione personali; per tutti coloro che donano il loro tempo ed il loro impegno per la realizzazione della manifestazione; non sono solo gli amici, volontari appassionati della corsa ed in gran parte appartenenti ai gruppi podistici locali. La caratteristica principale di Placentia Marathon è di aver coinvolto tutte le forze positive della città, dando vita ad un sistema di collaborazioni che è il suo vero più importante e riconosciuto successo. I primi “sostenitori ed organizzatori”  sono le  Istituzioni civili e militari, le forze di polizia e un particolare tipo di associazioni che potremmo definire, magari in modo non particolarmente appropriato, “istituzionali”, formati da alcuni professionisti e tantissimi volontari (dal 118 Piacenza soccorso alla  Protezione Civile, dalla Croce Rossa Italiana alle Associazioni di Pubblica Assistenza e della Misericordia….oltre 400 persone)».

«Proprio coloro che adesso si stanno battendo contro questo nemico invisibile.  Se anche l’emergenza finisse domani, non si potrebbe chiedere proprio ancora a loro, di impegnarsi in una manifestazione sportiva».«Di una sola cosa non è possibile dubitare: questo terribile periodo passerà e questo nostro Paese tornerà ad essere migliore di prima. Se il Sindaco di Piacenza ed i rappresentanti delle altre Istituzioni locali, dovessero ritenerlo opportuno, ci porremmo a disposizione, già il 3 maggio o quando sarà possibile, ad organizzare una festa in onore di tutti coloro che adesso sono in prima linea per la nostra difesa. Una festa di sport e solidarietà, con la voglia di stare insieme, come è sempre stata e dovrà sempre essere la Placentia half Marathon. Una festa per il ritorno alla normalità».

Il sindaco Barbieri, “Scelta difficile, ma giusta. Grazie agli organizzatori per il senso di responsabilità”

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Quando Sandro Confalonieri e Pietro Perotti mi hanno comunicato la decisione, difficile ma giusta, di annullare la Placentia Half Marathon in calendario il 3 maggio prossimo – commenta il sindaco Patrizia Barbieri – ho ripensato subito all’emozione dello scorso anno: la camminata delle scuole affollata di ombrelli colorati, la fatica degli atleti contro la pioggia sferzante, l’impegno e la dedizione dei volontari sorridenti, felici di dare vita ancora una volta a questa grande festa di sport e solidarietà. Celebrare, tra qualche settimana, la 25° edizione, avrebbe significato molto per ciascuno di loro e per la città, ma gli organizzatori hanno anteposto a ogni altra considerazione il senso di responsabilità cui tutti siamo chiamati in questa fase di emergenza; per questo vorrei ringraziarli, nella consapevolezza di quanto possa essere stata dolorosa questa scelta”. “Nelle loro motivazioni – aggiunge il sindaco – ricorrono parole importanti: il rispetto, la necessità di fare ciascuno la propria parte, la riconoscenza e la gratitudine nei confronti di tutti coloro che oggi sono in prima linea nella battaglia per proteggere la salute delle persone. Credo che le loro riflessioni esprimano bene ciò che rende speciale, da ormai 25 anni, la Placentia Half Marathon, che da sempre rappresenta molto di più di una competizione podistica. E’ un evento che vive nella città e con la città, è partecipazione e coinvolgimento, è occasione di gioia e di condivisione. Per questa ragione, non posso che accogliere con entusiasmo la loro proposta di organizzare, quando finalmente avremo superato e risolto le gravi criticità che oggi stiamo affrontando, una festa che sia mossa dagli stessi ideali, dalla stessa volontà di stare insieme e di onorare, come merita, la bellezza di poterlo fare senza preoccupazioni, senza vincoli, senza mettere a repentaglio la sicurezza di chi è più fragile”. “L’Amministrazione comunale ci sarà – conclude il sindaco – e così la comunità piacentina. Più unita e più forte, anche grazie a chi sa rinunciare a un traguardo, se occorre, ma non si tira mai indietro quando c’è bisogno di aiuto”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto si ribalta dopo lo schianto contro il terrapieno, muore un uomo

  • Precipita dal sesto piano, muore un giovane

  • Incastrato nell'auto ribaltata, grave incidente in via Colombo

  • Sbanda per una vespa nell'abitacolo e si schianta contro un terrapieno di cemento

  • Spostamenti tra regioni e viaggi: cosa si può fare (e cosa no) da oggi 3 giugno

  • Assalto al bancomat nella notte, il colpo va a segno

Torna su
IlPiacenza è in caricamento