Playstation taroccate: maxi sequestro a Piacenza

Sequestrati dalla Guardia di Finanza di Piacenza 6mila Playstation Nintendo già immesse sul mercato. Ammonta a circa 1 milione di euro il valore della merce requisita


Rivendevano consolle playstation ad un prezzo decisamente inferiore a quello di mercato, ma le confezioni della consolle di gioco, era stata manomessa. Così, la Guardia di Finanza di Piacenza si è accorta della frode e ha sequestrato un bottino di 6 mila pezzi, denunciando 6 persone per contraffazione e frode in commercio.

Le playstation Nintendo DS vendute low-cost, erano di una partita destinata ad altri mercati (Gran Bretagna e Stati Uniti). Gli apparecchi, venivano aperti e l'alimentatore da 110 volt veniva sostituito con uno da 220V per adattare la consolle alla rete di alimentazione europea.

Un'operazione illegale e anche pericolosa, che va a danno dei consumatori finali, anche perché l'alimentatore sostituito era di scarsa qualità, privo del marchio CE o non conforme alle caratteristiche della casa madre. Si è venuti a capo della frode anche grazie alla collaborazione della casa produttrice, la nipponica Nintendo Corporation Limited.

Durante la conferenza stampa, la Guardia di Finanza ha infatti dichiarato: “ci siamo mossi per verificare una segnalazione che ci aveva fatto proprio la casa produttrice  riguardo a consolle Nintendo “modificate” che erano presenti sul nostro mercato, sia nei negozi delle catene, ma anche nei magazzini logistici”. Sarebbe stata la grande richiesta di playstation, molto più elevata dell'offerta, a spingere i taroccatori a questa pericolosa operazione. Pericolosa per gli utenti finali, s'intende, perchè i prodotti contraffatti non sono a norma.

La decisione di diffondere la notizia, poi, ha una doppia valenza: contrastare il fenomeno e, soprattutto, mettere in guardia i consumatori in occasione delle festività. “Prima di tutto questa è un'inchiesta che interessa l'intero territorio nazionale - spiega il maggiore Tortora, comandante del nucleo di polizia tributaria - e i comandi provinciali stanno a loro volta compiendo i relativi accertamenti proprio in queste ore”.

L'operazione era partita lo scorso novembre e, oltre alla Guardia di Finanza ha coinvolto anche il nucleo di polizia tributaria. Oltre alle consolle sequestrate a Piacenza, anche 150 a Verona e numerosi pezzi a Biella, Pavia, Lodi. Ammonta a circa 1 milione di euro il valore della merce requisita.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Muore a 29 anni travolto da un furgone pirata

  • Un 28enne di Cadeo la vittima del tragico incidente a San Giorgio. E' caccia al furgone bianco

  • Si è costituito il conducente che ha travolto e ucciso Andrea Ziotti

  • Nuovo Dpcm: Conte ha firmato, che cosa cambia da domani

  • Centri commerciali chiusi nel fine settimana

  • Esce illeso dall'auto in fiamme ma vede in cenere la sua Dallara da 200mila euro

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento