Agenti uccisi a Trieste, alla questura di Piacenza messaggi di cordoglio. Un carabiniere: «Onore ai colleghi»

Dopo la tragedia dei due agenti uccisi a colpi di pistola da uno squilibrato, in tanti stanno dimostrando solidarietà alla sede di viale Malta. Tra loro anche un maresciallo dei carabinieri

I fiori deposti al cippo in onore dei Caduti all'ingresso della questura di Piacenza

Anche Piacenza si stringe intorno alla polizia di Stato e alla questura per portare il proprio cordoglio e solidarietà dopo la tragica morte di due agenti della questura di Trieste avvenuta nel pomeriggio del 4 ottobre per mano di una persona con disturbi psichici che li ha uccisi a colpi di pistola. Già dalla prima mattina di sabato 5 ottobre, colleghi di altre forze dell'ordine e semplici cittadini hanno contattato o si sono presentati alla questura di viale Malta. Qualcuno ha portato dei fiori che sono stati deposti sul cippo in memoria dei caduti all'ingresso. A portare un pensiero anche un maresciallo dei carabinieri in servizio a Milano, ma piacentino di origine. Sono poi arrivati attestati di vicinanza anche da parte dei sindacati dei carabinieri, della polizia e dell'associazione della stampa. A tutti è andato il ringraziamento del questore Pietro Ostuni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazzino finisce in Po, un passante si butta e lo salva appena in tempo

  • Schianto sulla strada della Mottaziana, gravi due giovani

  • «Il mito della Lancia Delta non passerà mai di moda»

  • Ricoverato uomo affetto da meningococco , l'Asl: «Per chi è entrato in contatto serve la profilassi»

  • Nella notte fatti saltare due bancomat in pochi minuti, commando in fuga

  • Con l'auto d'epoca contro un palo della luce

Torna su
IlPiacenza è in caricamento