Poste, il 4 novembre sciopero generale dei lavoratori

Slp-Cisl, Slc-Cgil Failp-Cisal, Confsal-Com Ugl-Com hanno proclamato un mese di blocco delle prestazioni straordinarie e aggiuntive dal 24 ottobre al 23 novembre 2016 e una giornata di sciopero generale nazionale per il 4 novembre 2016

Slp-Cisl, Slc-Cgil Failp-Cisal, Confsal-Com Ugl-Com hanno proclamato un mese di blocco delle prestazioni straordinarie e aggiuntive dal 24 ottobre al 23 novembre 2016 e una giornata di sciopero generale nazionale per il 4 novembre 2016 "per scongiurare la svendita di un’altra quota di Poste Italiane, azienda che per il suo ruolo pubblico, non può e non deve essere ceduta totalmente in mani private. A tal fine le OO.SS. chiedono il ritiro del provvedimento presente in parlamento che prevede la ulteriore privatizzazione di Poste Italiane. Il rischio sarebbe quello di una totale finanziarizzazione del Gruppo, il decadimento del servizio pubblico universale, lo scorporo dei servizi postali e pesanti ricadute occupazionali ingestibili dal punto di vista sociale e anche il mantenimento dell’unicità aziendale". Si legge in una nota.

"Siamo contro la crisi del settore Posta Comunicazioni e Logistica (PCL). Il nuovo modello impostato dalla legge e dall’AGCOM, del recapito a giorni alterni, prevedeva una fase sperimentale, per apportare tutti i correttivi necessari, una serie di investimenti in logistica integrata, nel settore dell’e-commerce e dei pacchi. Invece per l’AD tutto funziona benissimo e continua a procedere in tutte le realtà, incurante del decadimento della qualità del servizio e delle proteste dei cittadini e delle iniziative di protesta dei sindacati in tutte le regioni. Le continue e pesanti pressioni commerciali del Settore Mercato Privati. L’azienda cambia i prodotti, acquista nuove aziende e per spingere sui suoi progetti passa sopra i lavoratori. La mancata definizione degli organici degli uffici postali Le reiterate minacce ai lavoratori e contro l’uso indiscriminato dei provvedimenti disciplinari. Contro l’atteggiamento negativo e arrogante dell’azienda al tavolo del rinnovo contrattuale che sta, di fatto, impedendo il veloce rinnovo del CCNL". Conclude la nota dei sindacati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

  • Con la caldaia rotta accendono il gas per scaldarsi, famiglia intossicata

  • Carla non ce l'ha fatta, il suo alpino Stefano la piange dopo la serenata davanti all'ospedale

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

  • Farini, addio al ristoratore Adriano Figoni

Torna su
IlPiacenza è in caricamento