Prato Cipolla, elicottero cade nella stazione sciistica: illesi i passeggeri

Due piacentini hanno tentato un atterraggio d'emergenza nell'area della stazione sciistica di Santo Stefano d'Aveto ma l'elicottero è caduto e le pale hanno rischiato di colpire un gruppo di bambini

Ha perso il controllo del mezzo durante un atterraggio d’emergenza nei pressi della stazione sciistica. Sono usciti illesi due piacentini che sono precipitati nella tarda mattinata del 24 marzo nella zona di Prato della Cipolla, frazione sciistica di Santo Stefano d’Aveto (Genova), al confine con la nostra provincia.

L’elicottero è precipitato sulla neve durante la manovra di atterraggio. A bordo del velivolo c’erano due persone, che sono state immediatamente soccorse e non avrebbero subìto gravi ferite: sul posto sono intervenuti gli uomini del Soccorso Alpino del Tigullio, che hanno aiutato i due passeggeri a uscire dall’elicottero, e i Carabinieri, che hanno messo sotto sequestro l’area per i primi rilievi. Sono in corso indagini per ricostruire l’esatta dinamica dell’incidente, anche se è molto probabile che alla base dello schianto ci sia stato un errore commesso dal pilota, proprietario dell’elicottero, durante la manovra di atterraggio d'emergenza, effettuata su un terreno non in piano e per di più ricoperto dalla neve. L'incidente poteva avere conseguenze più gravi: a pochi metri di distanza dal luogo dell'atterraggio alcuni bambini stavano frequentando la pista innevata. Le pale dell'elicottero sono arrivate, fortunatamente, solo a sfiorare i presenti. I due a bordo dell'elicottero sono stati poi denunciati.

12671919_1694352144154408_7134434122347892844_o-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • Brugnello, Rivalta, Vigoleno: Valtrebbia e Valdarda grandi protagoniste a "Linea Verde"

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

  • «Disobbedire e aprire i locali? Non ha senso. La vera protesta sarebbe chiuderli: stop a delivery e asporto»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento