Scontri dopo la partita Prato-Piacenza, undici ultras in manette

La Digos ha eseguito in città dall'alba undici ordinanze di custodia cautelare in seguito alle indagini sugli scontri dopo la partita Prato-Piacenza del 27 maggio scorso. Due piacentini in carcere e tre ai domiciliari

Gli agenti della Digos di Piacenza

Undici arresti per gli scontri durante la partita di calcio Prato-Piacenza del 27 maggio scorso. Dall’alba di questa mattina, 20 giugno, gli agenti della Digos della questura di Prato stanno eseguendo 11 ordinanze di custodia cautelare (6 in carcere e 5 agli arresti domiciliari) nelle province di Piacenza e di Prato. Alcuni sono stati eseguiti intorno alle 9 a Piacenza. In manette sono finiti ultrs di entrambe le tifoserie, mentre altri sono stati deunciati a piede libero.

VIDEO - GLI ULTRAS PIACENTINI CERCANO DI SFONDARE I CANCELLI

Le indagini sono state condotte dalla Digos di Prato in collaborazione con la Digos di Piacenza. Questa mattina sono state eseguite le ordinanze firmate dal gip di Prato Marco Cecchi e richieste dal pm Lorenzo Gestri.Cinque gli ultras del piace arrestati, tutti già con alcuni precedenti (in certi casi anche specifici), e appartenenti alla cosiddetta vecchia guardia della tifoseria biancorossa. In carcere alle Novate sono finiti M.C. di 51 anni e M.M di 36. Agli arresti domiciliari invece R.E. di 32 anni, Z.M. di 38 e C.D. di 40 anni.Per tutti le accuse sono di concorso in rissa, lesioni, danneggiamento.

La Digos di Piacenza ha ricostruito così i fatti, sulla scorta delle indagini coordinate dalla procura di Prato e di alcuni filmati ripresi dalle telecamere di sicurezza di un bar. Al termine della partita nella cittadina toscana che ha decretato la retrocessione della squadra piacentina, un gruppo di ultras biancorossi si trovavano all'interno di un bar vicino allo stadio, il bar Miglio Verde. All'improvviso arriva un gruppo di supporters del Prato che individuano i piacentini nel bar e subito ne è nato un'acceso scontro verbale, ma in breve si è passati alle vie di fatto.

Una maxi rissa tra decine di persone, sedata solo grazie all'intervento del reparto mobile della polizia, che però non è riuscita ad evitare che i tafferugli devastassero il bar, mettendo in fuga i clienti. Tra questi - dice la polizia - anche una famiglia con un bambino di sei anni che, scappando in macchina, si è vista lanciare addosso una pietra. A scagliarla sarebbe stato uno dei piacentini arrestati. Iniziano così le indagini che portano a individuare i primi undici responsabili: cinque piacentini e sei di Prato (anche loro arrestati questa mattina all'alba).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le indagini, dicono in viale Malta, sono ancora in corso per individuare anche altri responsabili. La Digos di Piacenza, durante le perquisizioni in casa degli arrestati, ha sequestrato anche alcuni coltelli, un proiettile calibro 38 special e un paio di manette.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Frontale a Castellarquato: muore un uomo, altre due persone sono gravissime

  • Scontro Cavanna-Burioni sull’utilizzo della idrossiclorichina per combattere il Covid

  • Travolto da un Tir mentre cammina al buio sul cavalcavia, 24enne in fin di vita

  • Frontale lungo la Provinciale, muore in auto di fianco alla moglie

  • Nuovo Dpcm: Conte ha firmato, che cosa cambia da domani

  • Ha una relazione con l'allieva, lei lo perseguita e lui la denuncia per stalking

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento