Prevenzione tumori del cavo orale, la prima giornata il 10 aprile

Cuda (Aooi): «La prevenzione dei tumori del cavo orale è importantissima perché è molto frequente. La diagnosi precoce si associa ad una prolungata sopravvivenza. Se invece non si individua subito la malattia, le percentuali di sopravvivere scendono drasticamente»

Domenico Cuda e Guido Pedrazzini

Il 10 aprile si terrà la prima giornata della prevenzione Aooi, associazione otolaringologi ospedalieri italiani. Questo evento si dedicherà alla diagnosi dei tumori del cavo orale attraverso screening gratuiti. I controlli saranno nell'ambulatorio otorinolaringoiatria (polichirurgico secondo piano, blocco C) il 10 aprile dalle 9 alle 12. Per tutti i dettagli è possibile consultare il sito www.giornataprevenzioneaooi.it. 

«L’iniziativa - interviene il dottor Guido Pedrazzini, direttore sanitario - nasce in una visione di medicina sociale, quella della prevenzione. Abbiamo una lunga tradizione di screening e di sensibilizzazioni nel nostro ospedale».

«Le azioni che abbiamo messo in campo come associazione sono tante - spiega il dottor Domenico Cuda dell’associazione otolaringologi ospedalieri italiani - per esempio vorremmo mettere in luce la disciplina di otolaringologia che negli ultimi tempi ha avuto moltissimi sviluppi: ci sono ben sette sottocategorie.

L’otolaringologia è poco conosciuta  nel nostro paese. Da qui è nata l’esigenza di far vedere la figura dell’otolaringologo in tutte le sue sfaccettature e di dare spazio alle tematiche di prevenzione. Questa iniziativa è solo il primo di una serie di appuntamenti. Vorrei ricordare che la giornata della prevenzione ha registrato un grande successo di adesioni: 182 reparti ospedalieri italiani, un'enormità. 

La prevenzione di questo tipo di malattia - sottolinea Cuda - è importantissima perchè è un tumore molto frequente. La diagnosi precoce si associa ad una prolungata sopravvivenza. Se invece non si individua subito la malattia, le percentuali di sopravvivere scendono drasticamente.

Vorrei citare i fattori di rischio più comuni: fumo, alcool, cattiva igiene orale, diete povere di frutta e verdura, papilloma virus ma anche le anomalie dei denti come per esempio un dente scheggiato.

Vengono registrati fino a 12 casi per anno ogni 100.000 abitanti. A Piacenza ci possiamo aspettare dai 30 ai 40 casi, del resto, ogni anno almeno una ventina di casi si presentano nel nostro ospedale. Rivolgiamo a tutta la cittadinanza l'invito a partecipare alla giornata della prevenzione: ci diamo appuntamento il 10 aprile». 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Annega nel Po per salvare il suo cane finito in acqua

  • Identificato l'operaio ucciso dal crollo di un silos. Forse il cedimento di un sostegno la causa della tragedia

  • Crolla un silos, 50enne muore schiacciato

  • Quattro feriti nello scontro sulla via Emilia

  • Rischia di annegare nella piscina di casa, salvata

  • Bonus covid ai parlamentari, la piacentina Murelli accusata dai giornali replica «No comment»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento