Prevenzione oncologica, Lilt e Ausl insieme nella lotta contro il cancro

La Lega italiana per la lotta ai tumori e l'Ausl di Piacenza allestiscono banchetti informativi per la settimana nazionale della prevenzione oncologica dal 20 al 29 marzo

La Lega italiana per la lotta ai tumori (Lilt) di Piacenza aderisce, in sinergia con l’azienda Usl di Piacenza, alla settimana nazionale della prevenzione oncologica, giunta alla 14esima edizione.

L’evento si pone l’obiettivo di informare correttamente, per sensibilizzare la popolazione e rendere tutti consapevoli che la prevenzione rappresenta oggi lo strumento più efficace, l’arma vincente contro i tumori.
Importante è la prevenzione a tavola: scienza e medicina sono concordi nell’affermare che molti tumori non si svilupperebbero se mangiassimo in modo diverso. Una sana e corretta alimentazione è infatti un alleato indispensabile per la nostra salute. Come, per esempio, la dieta mediterranea, celebre per le sue virtù salutari, perché comprende molta frutta fresca, verdura e cereali, pesce, poca carne, e soprattutto l’olio extravergine di oliva, noto per le sue qualità protettive nei confronti di vari tipi di tumore. Per questo la bottiglia d’olio extravergine d’oliva è stata eletta testimonial storico della settimana nazionale per la prevenzione oncologica della Lilt.

Dal 20 al 29 marzo anche a Piacenza, i volontari della Lega si mobiliteranno per far scendere la prevenzione in piazza. Le postazioni saranno allestite dalla sezione provinciale, per distribuire bottiglie di olio extravergine di oliva, opuscoli informativi e gadget.

Gli appuntamenti sono il 21 e 28 marzo in largo Battisti dalle 9 alle 18.30 e il 22 e 29 marzo sul Pubblico passeggio (lato Barriera Genova) dalle 9 alle 18.30.

Come ogni anno, la sezione piacentina di Lilt lancia anche una campagna di prevenzione dei tumori della pelle. Dal 23 marzo verranno effettuate visite dermatologiche per il controllo dei nei. I cittadini possono prenotare i controlli offerti dalla Lilt telefonando al numero 0523.384706 il martedì e giovedì dalle 15.30 alle 18. Le visite sono gratuite per gli iscritti. Ai non iscritti verrà richiesto un contributo minimo per l’iscrizione all’associazione. 

Il melanoma cutaneo è un tumore che colpisce la pelle e deriva dalle cellule deputate alla produzione di colore e per la sua elevata tendenza invasiva, è responsabile della maggior parte dei decessi dovuti a tumori cutanei. Studi statistici sulla popolazione dimostrano un costante aumento dell'incidenza del tumore negli individui di pelle bianca con tassi superiori a 10 casi ogni 100.000 abitanti, in Italia. 

Nonostante le numerose campagne di sensibilizzazione, che sollecitano una più attenta osservazione della propria pelle al fine di cogliere il primo segnale d'allarme, accade troppo spesso che il dermatologo si trovi a dover osservare casi di melanoma in stadio avanzato.

Quindi nei confronti del melanoma, come verso tutti i tumori maligni, l'unico vero approccio terapeutico consiste nella prevenzione e nella diagnosi precoce. Infatti, il melanoma si può considerare l'esempio più chiaro di neoplasia maligna nella quale un precoce trattamento costituisce la chiave per la sopravvivenza. Se diagnosticato quando le cellule maligne sono localizzate soltanto all'epidermide, il melanoma cutaneo può essere asportato e definitivamente guarito in quasi il 100 % dei casi. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Assassinato Rocco Bramante, il boss dei nomadi di Caorso. Rappresaglia sinti: «Presto vendetta»

  • «Me l'hanno ammazzato davanti agli occhi. Rocco era un angelo: mai rubato neanche una caramella»

  • Bidella arrestata per aver rapinato una collega a scuola

  • Matteo Salvini il 14 gennaio a Piacenza tutto il giorno: ecco le tappe in provincia e in città

  • Contributo per l’affitto, dal 15 gennaio al 28 febbraio le domande

  • Perde il controllo dell'auto e si ribalta

Torna su
IlPiacenza è in caricamento