«Con Filosa sempre operato con correttezza e la Freeman aveva una propria sede»

In Tribunale, ascoltati questa mattina 17 testimoni, tutti chiamati dalla difesa, nel processo che vede l’ex direttore della Direzione provinciale del lavoro accusato di corruzione

Il tribunale di Piacenza

Nessuna richiesta di denaro, né di poter incidere sulle verifiche dell’Ispettorato del lavoro. Un lavoro svolto sempre con correttezza quello di Antonio Filosa uscito dalle deposizione di 18 testimoni ascoltati questa mattina dai giudici nel processo che vede l’ex direttore della Direzione provinciale del lavoro imputato di corruzione, con l’imprenditore milanese Morgan Fumagalli, e di rivelazione di segreti d’ufficio.

In origine i testimoni della difesa, rappresentata dagli avvocati Benedetto Ricciardi e Luigi Alibrandi,  erano 37, ne erano stati citati 28 e la difesa aveva poi rinunciato a sette di loro, e se ne sono presentati 18 (uno ha accusato un malore ed è stato portato via in ambulanza). Tra di loro consulenti del lavoro, funzionari della Direzione del lavoro (anche di Cremona, che Filosa aveva diretto prima di Piacenza) e l’ex sindacalista Sandro Busca, ex segretario Cisl e attuale sindaco di Bettola.

I testimoni hanno spiegato al presidente Italo Ghitti, il collegio è composto anche da Maurizio Boselli ed Elena Stoppini, e al pm Antonio Colonna come si svolgeva il lavoro in vista delle ispezioni, le modalità che le regolavano e l’iter in generale.

Tra l’altro, nell’udienza, è stato anche affermato che la Freeman consulting - l’azienda di consulenza della figlia di Filosa – aveva un proprio ufficio in via Scalabrini. Un dettaglio su cui la difesa ha insistito, perché gli inquirenti avevano sempre affermato che la Freeman non avesse alcuna sede. L’azienda, secondo i carabinieri e secondo la procura, serviva a Filosa per far firmare contratti in nome dei “buoni rapporti” tra l’ex direttore e alcune ditte.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le spaccano la faccia contro una cancellata per rapinarla della borsa

  • Carla non ce l'ha fatta, il suo alpino Stefano la piange dopo la serenata davanti all'ospedale

  • Scaraventano un cancello contro la polizia per scappare dopo il colpo: quattro arresti

  • Cacciatore cade in un dirupo e muore

  • Cene e ritrovi clandestini in due locali, blitz della finanza: multa per tutti e attività sospesa

  • Nuova ordinanza della Regione: aperti i negozi nei festivi. Ma si rimane in fascia arancione

Torna su
IlPiacenza è in caricamento