menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'ingresso a Piacenza Expo del gip Fiammetta Modica

L'ingresso a Piacenza Expo del gip Fiammetta Modica

Processo Levante, chiesti dieci patteggiamenti

Sono dieci le richieste di patteggiamento che riguardano dieci imputati nell'ambito della maxi inchiesta della Guardia di Finanza e della sezione investigativa della Polizia Locale, Odysseùs

Processo Levante. Sono dieci le richieste di patteggiamento che riguardano dieci imputati accusati a vario titolo di detenzione ai fini di spaccio nell'ambito della maxi inchiesta della Guardia di Finanza e della sezione investigativa della Polizia Locale, Odysseùs che ha portato, tra gli altri, all'arresto dei carabinieri della caserma di via Caccialupo accusati di gravi reati e di un gruppo di spacciatori. Gli avvocati dei dieci hanno rinnovato l'istanza di applicazione pena già depositata, il pm Matteo Centini ha ribadito il consenso e il giudice ha stralciato il procedimento per loro posizioni e rinviato all'8 marzo per l'emissione delle sentenze da parte del giudice Fiammetta Modica. Si tratta di Daniele, Alex e Matteo Giardino (difesi dall'avvocato Daniele Pezza), Simone Giardino (difesa dall'avvocato Lorenza Dordoni), Tiziano Gherardi (avvocati Ascanio Sforza Fogliani e Carlo Bordi), Seniguer Megid (avvocato Vittorio Anprocesso carabinieri piacenza expo-2tonini),  Masroure Zin (avvocati Daniele Pezza e Mauro Pontini), Ghormy El Mehedi (avvocato Angelo Rovegno), Maria Luisa Cattaneo (avvocato Daniele Pezza), Clarissa D'Elia (avvocato Alessandra Leonardi). 

Le pene vanno dai 4 mesi a 4 anni.  Durante l'udienza del 18 gennaio, che doveva appunto definire i riti alternativi, sono stati anche ammessi i cinque riti abbreviati riguardanti il maresciallo Marco Orlando, il carabiniere Daniele Spagnolo, gli appuntati Giacomo Falanga, Salvatore Cappellano e Giuseppe Montella. L'avvocato Antonio Nicoli ha chiesto e ottenuto per il suo assistito Orlando, il rito abbreviato condizionato all'ascolto del comandante della compagnia carabinieri di Piacenza, il capitano Giancarmine Carusone, circa le comunicazioni alla prefettura degli assuntori di droga. Anche l'avvocato Emanuele Solari ha chiesto il rito abbreviato condizionato per il proprio assistito, Montella. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

«Il giardino di via Negri è un ritrovo di spacciatori»

Attualità

Inps: «Nuovo tentativo di truffa tramite e-mail»

Attualità

"Paga per sbloccare il pacco": attenzione alla nuova truffa via sms

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento