Cronaca Centro Storico / Via XX Settembre

Furto da migliaia di euro alla gioielleria Silva, processo a due colombiani

Il colpo nell'aprile 2010. La coppia, un uomo e una donna, apparteneva a una gang di sudamericani specializzati in questo tipo di furti: distraevano i titolari e arraffavano i preziosi

Nelle fotografie ha riconosciuto solo uno dei due imputati, la donna che in compagnia di un complice riuscì a rubare, due anni fa, gioielli per un valore di decine di migliaia di euro alla gioielleria Silva. Si è aperto oggi, davanti al giudice Ivan Borasi, pm Gerardo Guidone, il processo a due colombiani, un uomo e una donna, difesi dall’avvocato Elena Vincini e accusati di furto aggravato. In aula sono stati sentiti come testimoni una parente del proprietario della gioielleria e due poliziotti. Il colpo avvenne il 21 aprile del 2010.

Nel mirino di una gang di sudamericani, specializzato in questo tipo di furti, finirono due ditte piacentine: le gioiellerie Silva e Neri. Identico il modus operandi della banda: entrare nel negozio, creare confusione, distrarre gli addetti e arraffare quanto più possibile. Una tecnica, scoprirà in seguito la polizia, utilizzata in altre gioiellerie del Nord Italia. La scusa è quella classica: vedere dei gioielli per un regalo. Così ha fatto il primo uomo usato come esploratore. Appena lui esce, ecco che entra una coppia. Stessa richiesta e verifica di chi c’è nel negozio, se esistono sistemi di allarme e altro. I due si dividono: una parla con il proprietario, l’altro con la parente del titolare.

Si devono sposare. E così, il titolare apre la cassaforte. In quel momento entra un’altra persona, sempre della gang, che comincia a creare confusione. Poi arrivano gli altri. La cassaforte è rimasta aperta e qualcuno allunga la mano rubando ciò che gli capita a tiro: collane a maglie, bracciali d’oro, . Poi, la fuga. In un attimo, i gioiellieri si accorgono di ciò che è accaduto e chiamano il 113. Una Volante fa salire la parente del titolare perché li ha visti bene in volto. E’ in atto la perlustrazione quando dalla centrale operativa, i poliziotti vengono avvertiti di un tentativo di furto alla gioielleria Neri, sventato dal titolare. Qui, gli agenti acquisiscono le immagini della telecamera e cominciano le indagini che hanno portato all’identificazione dei ladri e alla loro denuncia. Il processo è stato rinviato in febbraio, per ascoltare altri testimoni. Dei due imputati, però, nessuna traccia. La donna era stata espulsa tempo fa, mentre l’uomo risulta irreperibile.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Furto da migliaia di euro alla gioielleria Silva, processo a due colombiani
IlPiacenza è in caricamento