rotate-mobile
Lunedì, 17 Gennaio 2022
Cronaca Centro Storico / Via XX Settembre

Per la rapina ottiene il patteggiamento, per le persone ferite sarà processato

Rapina a Upim il 18 settembre. L'uomo ha ottenuto di patteggiare per la rapina mentre per le lesioni cagionate all'addetto alla sicurezza e alla donna che ha tentato di fermarlo si aprirà un altro procedimento

E' comparso, difeso dall'avvocato Giandanese Nigra, nella mattinata del 20 settembre in tribunale per la direttissima il marocchino di 35 anni accusato di rapina e lesioni per quanto accaduto sabato 18 settembre in pieno centro. L'uomo, incensurato che sarebbe stato clandestino fino alla sua regolarizzazione che sarebbe dovuta avvenire nei primi giorni di ottobre 2021 in questura, è accusato di aver rubato una giacca e un portafoglio a Upim in via Venti.  Scoperto, ha aggredito ferocemente l'addetto alla sicurezza mordendolo in volto e spaccandogli il naso per poi scappare, trasformando un semplice furto in rapina. Nonostante fosse ferito il vigilante però l'ha rincorso. Lo ha quindi inseguito imboccando via Cavour e poi largo Matteotti. Qui una ragazza piacentina di 35 anni ha udito il vigilante che gridava "al ladro" e ha provato a fermare il fuggitivo: prima con una spallata, frapponedosi per impedirgli la fuga e poi inseguendolo a suo volta all'interno di un androne in largo Matteotti. Il ladro, capendo di essersi intrappolato da solo, ha tentato di uscire da dove era entrato e per la seconda volta la donna ha quindi cercato di fermarlo fisicamente ma l'uomo l'ha afferrata per un braccio e l'ha scaraventata per garantirsi la fuga in direzione di via San Marco. La donna al telefono con il 113 ha fornito la descrizione del rapinatore e l'ha rincorso con l'addetto alla sicurezza aggiornando man mano la centrale operativa della polizia sulla direzione di fuga dell'uomo. Poco dopo le volanti l'hanno bloccato in fondo a via San Marco e arrestato su disposizione del pm Matteo Centini. Sia il vigilante sia la donna sono stati medicati in pronto soccorso.  Durante l'udienza di convalida (giudice Camilla Milani, pm Monica Bubba) è stato proposto e accettato il patteggiamento per la rapina mentre sono state stralciate le lesioni per le due vittime e che daranno origine ad un altro procedimento a carico dello straniero. Per lui il giudice ha infine disposto il divieto di dimora a Piacenza. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Per la rapina ottiene il patteggiamento, per le persone ferite sarà processato

IlPiacenza è in caricamento