Agguato sul pianerottolo della casa che li ospita, accoltellamento fra profughi

Due africani ospiti in una palazzina in via Roma a Gragnano sono finti all'ospedale. Sul posto i carabinieri che hanno recuperato un coltello a serramanico sporco di sangue. Il sindaco: «Sono fatti gravissimi che non favoriscono l’accoglienza»

Il coltello sequestrato dai carabinieri (Foto Gatti)

Accoltellamento fra profughi a Gragnano la mattina del 28 dicembre. I coinvolti sono due africani: un 21enne del Camerun che è rimasto seriamente ferito a una spalla e una gamba e ora si trova in ospedale a Piacenza, e un 25enne del Togo, anche lui rimasto leggermente ferito a una mano.

Dai primi accertamenti svolti dai carabinieri della Compagnia di Piacenza, pare che quest’ultimo abbia aggredito il più giovane tendendogli un agguato sul pianerottolo delle scale della palazzina di via Roma che ne ospita in tutto 14. Sembra che tra i due vi fossero già alcune ruggini, e che anche ieri sera avessero litigato. L’aggressore ha poi gettato il coltello a serramanico in un cestino della spazzatura prima di fuggire in bicicletta verso Gragnanino, per andare dal gestore e proprietario della palazzina in centro paese e raccontare di essere stato aggredito a sua volta. Il 21enne è stato invece soccorso dal 118 e trasportato in ambulanza all’ospedale di Piacenza. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • Animale sulla strada, si ribalta tra il guard rail e il muro di una casa

  • Con la caldaia rotta accendono il gas per scaldarsi, famiglia intossicata

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

  • Farini, addio al ristoratore Adriano Figoni

Torna su
IlPiacenza è in caricamento