Profughi in arrivo e apertura delle buste, il prefetto: «Nulla è ancora deciso»

«Nulla è ancora deciso: sono solo state aperte le buste, 27 in totale, delle offerte pervenute in seguito alla pubblicazione del bando di gara. Ora tocca alla commissione vagliare caso per caso». E su via Roma: «Lo sappiamo anche noi che è una zona particolare, non è scritto da nessuna parte che saranno ospitati proprio in quella struttura»

Anna Palombi, il prefetto

«Nulla è ancora deciso: sono solo state aperte le buste, 27 in totale, delle offerte pervenute in seguito alla pubblicazione del bando di gara "per l’individuazione di più operatori economici in grado di mettere a disposizione strutture ricettive situate nel territorio della provincia di Piacenza, per l’affidamento del Servizio di accoglienza di cittadini stranieri extracomunitari richiedenti protezione internazionale". Ha spiegato il prefetto, Anna Palombi.

«La commissione - ribadisce chiaramente - ha solo preso visione delle offerte arrivate da strutture di privati e associazioni di Piacenza e provincia e nei prossimi giorni le valuterà per capire se hanno i requisiti previsti, ma anche se li avessero ma fossero in zone particolari non ritenute idonee, non è detto che vengano loro assegnati i richiedenti asilo».

«Non è stato stabilito nulla - chiarisce - e ci sarà una distribuzione equilibrata dopo tutte le verifiche del caso, come ho sempre detto. Tutti possono fare offerte, ma da lì a dire che è già tutto nero su bianco ce ne passa». E sulla presa di posizione del sindaco Dosi sui profughi in via Roma: «Lo sappiamo benissimo anche noi che quel quartiere è molto particolare e presenta diverse problematiche, l'associazione che si è presentata ha tutto il diritto di farlo, la commissione valuterà nei prossimi giorni se effettivamente è il caso che siano collocati in quella struttura 40 persone. A mio avviso il parere potrebbe essere negativo».

IL BANDO DI GARA - Il servizio durerà dal 1 maggio al 31 dicembre 2017.  E' previsto l'arrivo di 1500 persone. Nello specifico, si legge nel bando pubblicato sul sito della Prefettura: "Per garantire una uniforme distribuzione dei posti su tutto il territorio provinciale in rapporto alla popolazione residente sarà attribuita una specifica valutazione, in sede di valutazione tecnica dell'offerta, per le proposte di strutture ubicate nei comuni di Alseno, Castelsangiovanni, Castelvetro, Fiorenzuola, Gossolengo, Podenzano e Rottofreno, che sono del tutto privi di strutture ricettive oppre ve ne sono per un numero di ospiti ritenuto notevolemente inferiore alla quota spettante in base alla popolazione residente". Per la durata si legge: "la durata dell'accordo quadro è prevista a decorrere dalla data di attivazione, 1 maggio 2017, fino al 31 dicembre 2017, con l'impegno dei partecipanti a proseguire il servizio anche per il 2018". "L'importo massimo - continua - è determinato al costo di 35 euro con 2.50 euro di pocket money. Il valore complessivo dell'appalto viene stimato in 19.162.500 euro (35 euro per 1500 posti per 365 giorni).  Tale importo tiene contosia del numero di immigrati attualmente presenti, circa mille, che delle prossime 1500". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Carla non ce l'ha fatta, il suo alpino Stefano la piange dopo la serenata davanti all'ospedale

  • Cacciatore cade in un dirupo e muore

  • Cene e ritrovi clandestini in due locali, blitz della finanza: multa per tutti e attività sospesa

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

  • Nuova ordinanza della Regione: aperti i negozi nei festivi. Ma si rimane in fascia arancione

  • Le spaccano la faccia contro una cancellata per rapinarla della borsa

Torna su
IlPiacenza è in caricamento