"Profughi" davanti alla Questura, prive di fondamento le richieste di denaro

«Sono prive di fondamento le motivazioni che hanno portato alcuni ospiti del Ferrhotel ad inscenare una forma di rivendicazione circa un'ipotetica somma di "pocket money" in denaro»

Il gruppo di extracomunitari davanti alla questura

Nessuna forma di contributi in denaro è prevista per i cittadini provenienti dal Nord Africa la cui accoglienza in Italia è regolata dall’ordinanza del Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi del 13 aprile 2011 (n.3933), sulla base della quale il Dipartimento di Protezione Civile nazionale ha organizzato l’accoglienza anche nella nostra regione.

Il tema è stato affrontato nel corso di un incontro svoltosi sabato mattina alla presenza dell’assessore regionale Paola Gazzolo, dell’assessore comunale Giovanna Palladini, dei rappresentanti del Dipartimento di Protezione Civile dell’Emilia Romagna Ferruccio Melloni insieme al responsabile della Gestione tecnico-operativa delle attività Claudio Sambri, nonché del gestore del Ferrhotel Carlo Loranzi.

Sono quindi prive di fondamento – è stato ribadito dai presenti alla riunione – le motivazioni che hanno portato alcuni ospiti del Ferrhotel ad inscenare una forma di rivendicazione circa un’ipotetica somma di “pocket money” in denaro. Val la pena di ricordare che per nessuna delle persone accolte sulla base dell’ordinanza medesima è stato, al momento, riconosciuto lo status di profugo, che potrà essere eventualmente assegnato solo da parte delle competenti commissioni chiamate ad esaminare le richieste di asilo.

Sono esclusi da questo ambito i cittadini tunisini, ai quali è stato riconosciuto dal Governo un permesso di soggiorno temporaneo che scadrà il 31 dicembre di quest’anno. Nel corso dell’incontro si è fatto il punto circa la situazione complessiva relativa all’attuazione dell’Ordinanza Berlusconi e delle successive circolari del Dipartimento nazionale di Protezione Civile, con particolare riferimento all’impiego dei richiedenti asilo in attività di formazione e di volontariato sulla base di specifici progetti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'Agenzia regionale di Protezione Civile, quale soggetto attuatore in Emilia-Romagna del Piano nazionale di accoglienza umanitaria, sta provvedendo infatti a dar corso a tutte le disposizioni previste dalle circolari ministeriali nei modi e nei tempi definiti dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri. L’incontro si è concluso con l’accordo di attivare, ognuno per le proprie competenze, forme di ulteriore controllo e monitoraggio tese al rispetto delle regole alla base dell’accoglienza, in mancanza del quale si attiveranno azioni che vanno dal richiamo all’espulsione dal centro di accoglienza, dall’allontanamento fino al rimpatrio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Frontale a Castellarquato: muore un uomo, altre due persone sono gravissime

  • Scontro Cavanna-Burioni sull’utilizzo della idrossiclorichina per combattere il Covid

  • Travolto da un Tir mentre cammina al buio sul cavalcavia, 24enne in fin di vita

  • Frontale lungo la Provinciale, muore in auto di fianco alla moglie

  • Nuovo Dpcm: Conte ha firmato, che cosa cambia da domani

  • Ha una relazione con l'allieva, lei lo perseguita e lui la denuncia per stalking

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento