Profugo accolto a Morfasso muore a 30 anni, disposta l'autopsia

Lo straniero, un 30enne della Nuova Guinea era da circa un mese e mezzo ospitato in un agriturismo a Sperongia di Morfasso con altri 10 profughi. Aperto un fascicolo in Procura senza ipotesi di reato e disposta l'autopsia

Immagine di repertorio

E' stata disposta l'autopsia sul profugo della Nuova Guinea che il 12 aprile, dopo un malore, è morto. Lo straniero 30enne era da circa un mese e mezzo ospitato in un agriturismo a Sperongia di Morfasso con altri 10 profughi, in attesa del disbrigo delle pratiche per il riconoscimento della eventuale status di rifugiato. Nella giornata del 12 aprile ha accusato dei forti dolori all'addome e il gestore della struttura ha chiamato il 118. Durante il trasporto in ospedale però il giovane è morto. Lo straniero aveva una vecchia ferita sulla pancia, probabilmente se la era procurata prima dell'arrivo in Italia e potrebbe aver provocato un'infezione. La Procura ha aperto un fascicolo senza ipotesi di reato e ha disposto l'autopsia per risalire esattamente alle cause del decesso. L'esame sarà svolto martedì 19 aprile, dal medico legale Tiziana Follin. Paolo Calestani, sindaco di Morfasso ha espresso immediatamente il cordoglio dell'Amministrazione comunale. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • Brugnello, Rivalta, Vigoleno: Valtrebbia e Valdarda grandi protagoniste a "Linea Verde"

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

  • «Disobbedire e aprire i locali? Non ha senso. La vera protesta sarebbe chiuderli: stop a delivery e asporto»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento