Cronaca

Costretta a vendersi a 16 anni, sgominato giro di sfruttamento della prostituzione

Una ragazzina di 16 anni buttata sulla strada a prostituirsi. E i clienti, tutti uomini sposati e con famiglia dicono gli inquirenti, erano disposti a pagare ben oltre il prezzo di una normale prestazione per poter avere la minorenne

Una ragazzina di 16 anni buttata sulla strada a prostituirsi. E i clienti, tutti uomini sposati e con famiglia dicono gli inquirenti, erano disposti a pagare ben oltre il prezzo di una normale prestazione per poter avere la minorenne. Ma grazie a un'indagine condotta da squadra mobile e polizia municipale è stato possibile arrestare i due sfruttatori. Si tratta di due romeni di etnia rom, un uomo di 31 anni e una ragazza di 21 anni. Sono stati arrestati l’altra mattina su esecuzione dell’ordinanza di custodia cautelare richiesta dal sostituto procuratore di Piacenza Antonio Colonna e firmata dal gip Gianandrea Bussi.

I due romeni facevano arrivare le ragazze dalla Romania promettendo un posto di lavoro, ma quando le giovani arrivavano in città si accorgevano ben presto che per vivere avrebbero dovuto prostituirsi. Tra loro c’era anche una 16enne che in agosto era stata notata dalla polizia municipale. Lei aveva detto di essere maggiorenne, ma gli accoramenti medici hanno restituito un’età biologica tra i 14 e i 16 anni.

L’uomo - spiegano Mobile e Municipale - era dotato di un carisma particolare e per convincere le ragazze ad andare sul marciapiede esercitava su di loro un fascino, le faceva innamorare di sé e si instaurava un rapporto quasi morboso, e per il quale le ragazze erano disposte a tutto. La ragazza arrestata invece si occupava dell’aspetto logistico e di tenere i contatti e gli appuntamenti con i clienti. Entrambi sono ora in carcere con l’accusa di induzione alla prostituzione e sfruttamento.

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Costretta a vendersi a 16 anni, sgominato giro di sfruttamento della prostituzione

IlPiacenza è in caricamento