Martedì, 19 Ottobre 2021
Cronaca

Protezione civile, l'incontro: come aiutare chi aiuta?

Come affrontare i disturbi post traumatici da stress che colpiscono vittime, parenti di vittime, ma anche i soccorritori in caso di calamità, emergenze, situazioni di crisi. Si è parlato di questo in una tavola rotonda in Provincia

Come affrontare i disturbi post traumatici da stress che colpiscono vittime, parenti di vittime, ma anche i soccorritori in caso di calamità, emergenZe, situazioni di crisi. Ma anche chi decide, chi coordina, chi interviene in caso di calamità o più in generale in situazioni "anomale" di emergenza.

LE EMERGENZE - Tutti questi temi sono stati affrontati questa mattina in sala Consiglio nel corso della Tavola rotonda voluta dall'assessorato all'Ambiente e alla protezione civile dal titolo "La Protezione civile e Piacenza: Il progetto di sostegno ai soccorritori". Dopo i saluti dell'assessore Allegri, del Prefetto di Piacenza Silvana Riccio, del direttore dell'Asl Andrea Bianchi, che hanno ricordato il ruolo fondamentale svolto dalla Protezione civile e la necessità imprescindibile di coordinamento e formazione dei volontari chiamati ad intervenire in situazioni di emergenza, la parola è stata affidata a Francesco Paolo Ramunni, dirigente dell'Area protezione civile, difesa civile e del coordinamento del Soccorso pubblico che ha spiegato la normativa vigente in tema di interventi, stabilita dalla circolare del 2002 del dipartimento di Protezione Civile.

LA PRASSI - In caso di calamità i poteri in tema di coordinamento li assume il Prefetto che fissa gli obiettivi e le strategie per la salvaguardia della popolazione e il contenimento dei danni. I prefetto, ha anche il potere di emanare ordinanze in deroga alle leggi qualora sia necessario e di attivare i mezzi di proprietà dello Stato e gli uomini (Esercito, Figile del fuorco, Polizia, ecc). Leonardo Dentoni, Presidente del Coordinamento provinciale della protezione civile ha spiegato i meccanismi di messa in moto della macchina dei soccorsi, il ruolo e l'organizzazione delle associazioni di volontariato. Infine Giordana Dordoni, referente provinciale del Forum Aupi, la società scientifica a valenza nazionale che si pone l'obiettivo di contribuire a formare professionisti psicologi in diversi ambiti di intervento, tra cui quello della'Emergenzialità .

L'ESPERIENZA DE L'AQUILA - "L'esperienza - ha spiegato la dottoressa Dordoni - ha evidenziata anche dalla recente situazione dell'Aquila ha messo chiaramente in evidenza la pluralità degli interventi e delle attenzioni che devono essere garantite sia nelle situazioni catastrofiche come quella citata sia nelle situazioni di Emergenza a raggio più locale. Le situazioni di Emergenza infatti richiedono un impegno organizzativo consistente nella messa in moto di tutte le misure di salvaguardia e di protezione della vita delle persone colpite. Sono le Istituzioni pubbliche già organizzate (Prefettura, Protezione civile, Polizia di stato, Carabinieri, Vigili del fuoco, Polizia locale, Pubbliche Assistenze, ecc..) a costituire questo nucleo di garanzia. Oltre a questo aspetto va però garantita anche una particolare attenzione al vissuto delle vittime coinvolte e al vissuto dei soccorritori. In questo contesto il gruppo degli Psicologi piacentini, aderenti alla Società scientifica Form Aupi, intende mettere a disposizione delle autorità la peculiarità professionale, garantendo un intervento specifico sia nei casi di Emergenzialità catastrofica che nelle situazioni più frequenti ed emotivamente più frequenti nella realtà provinciale".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Protezione civile, l'incontro: come aiutare chi aiuta?

IlPiacenza è in caricamento