Provinciale Valnure, Trespidi: "Priorità d'interventi"

Quattordici soste lungo l'arteria di vallata, il presidente della Provincia Massimo Trespidi ha dato mandato ai tecnici di predisporre un "quadro d'insieme degli interventi". Venerdì se ne parlerà in giunta

Una scala di priorità per l'alta Valnure, base di un lavoro di programmazione pluriennale per il miglioramento della viabilità e la messa in sicurezza della Provinciale (la 654R). E' l'esito del maxisopralluogo di questa mattina del presidente della Provincia Massimo Trespidi e dell'assessore provinciale Sergio Bursi che, come annunciato nel consiglio provinciale di giovedì scorso, hanno fatto seguire alle segnalazioni del consigliere Bruno Ferrari e del collega e sindaco di Bettola Simone Mazza, un dettagliato esame sul campo della strada che attraversa la vallata. Quattordici i punti di sosta e di monitoraggio, da Bettola a Ferriere. E, a breve, verrà calendarizzata una nuova visita, da Ferriere al passo dello Zovallo.

OLMO - Prima sosta: a Olmo, frazione del comune di Farini dove la strada si fa particolarmente stretta e i parapetti iniziano ad avvertire i segni del tempo. L'ipotesi è quella di un allargamento della carreggiata. Qualche metro più avanti il progetto è già in corso e coperto da finanziamenti e prevede anche la creazione di un muro di sostegno. Si tratta di un "pacchetto di interventi" del costo complessivo di 250mila euro che comprendono anche l'installazione di una rete di protezione antierosiva tra Pontedellolio e Bettola e il rifacimento di un muro di sostegno a Gambaro di Ferriere.

CA' BONVICINI - Lavori inseriti in un'azione di presidio e prevenzione delle frane. L'ambasceria della Provincia ha poi proseguito verso Rio Ribà. Qui si è valutata la possibilità di ingentilire la curva del ponte che attraversa il corso d'acqua, stabilito che si tratta di un'opera complessa e consistente, in questa fase non inserita nelle necessità imminenti. Al bivio con la provinciale 8 di Bedonia e al ponte della Cantoniera i problemi riguardano innanzitutto i parapetti. "La loro sostituzione - hanno spiegato i tecnici - richiederebbe l'intera messa a norma delle barriere di sicurezza, acquisendo le autorizzazioni necessarie, tra cui il parere della soprintendenza". A Cà Bonvicini, oltre ai guard rail ammalorati, l'asfalto risulta eroso ai margini della carreggiata in corrispondenza di un manufatto di attraversamento. Qualche centinaio di metri oltre, in direzione Ponte Nano, la strada si restringe nuovamente e, su un altro ponticello, l'apertura di un cantiere costringerebbe gli operai alla creazione di una corsia provvisoria. Ponte Nano presenta il problema ricorrente dei parapetti. In questo caso si tratta di realizzazioni vecchie di quasi un secolo, considerato che la struttura è stata appaltata nel 1915. Nei pressi di Bivio Pronzali la criticità si ripresenta.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"VENIRE INCONTRO ALLE ESIGENZE" - "Se siamo ridotti così - ha incalzato il sindaco Mazza - è perché per 20 anni non si è intervenuti su opere e infrastrutture. Sono contento che la nuova giunta abbia dimostrato di avere un occhio di riguardo per le condizioni della nostra vallata". "Abbiamo guardato con precisione agli interventi da attuare in Valnure - ha spiegato l'assessore Bursi -. Sappiamo tutti che il patto di stabilità ci impone vincoli. Cercheremo di venire incontro alle esigenze di vallata compatibilmente con le nostre risorse. Primo passo in questa direzione, importantissimo, era stabilire le priorità. Ora non c'è un metro di strada per cui non si sappia come agire per la messa in sicurezza. Questo è il modo in cui dovrebbe agire una Provincia virtuosa. Il territorio deve essere sempre monitorato e sotto controllo". Al termine del percorso il consigliere Ferrari si è detto "soddisfatto". "La presenza del presidente e dell'assessore in questi luoghi è importante- ha precisato -. Così come è importante iniziare a mettere mano alle situazioni critiche della strada, partendo ovviamente dai punti nevralgici".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scontro tra due camion in autostrada, muore 56enne piacentino

  • Si schianta in moto contro un'auto che fa inversione, giovane all'ospedale

  • Norme anti covid, multati due locali aperti dopo mezzanotte. Nei guai anche un cliente senza mascherina

  • Sbanda con l'auto e si ribalta, è grave

  • Ladri sfondano l'ingresso e portano via le bici da corsa, fallisce il colpo da Raschiani

  • Incidente a San Rocco, chiuso temporaneamente il ponte di Po

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento