«Quando i lavoratori protestano i mezzi si devono fermare. Inaccettabile la morte alla Gls»

Il segretario della Cgil a palazzo Galli per il Festival del Diritto

Susanna Camusso a Piacenza

«La morte dell’operaio davanti alla Gls è inaccettabile. E’ il segno preoccupante dei rapporti sempre più deteriorati tra le aziende e i lavoratori». Sono le parole del segretario nazionale della Cgil Susanna Camusso che, la mattina del 24 settembre, è intervenuta a palazzo Galli nell’ambito del Festival del Diritto. Ha presenziato all’incontro sulla “Carta dei diritti universali del lavoro”.
Camusso ovviamente non ha potuto non intervenire sul drammatico incidente del 14 settembre scorso a Montale: «Se vi è in corso una manifestazione di lavoratori - ha commentato - i mezzi si devono fermare. Si tratta principalmente di buon senso. Sulla logistica abbiamo moltissime vertenze aperte non solo in Emilia Romagna. Si dovrebbe tornare anche in questo settore a quelle che sono le normali risposte del mondo del lavoro a cominciare da un contratto nazionale, trasparenza e legalità nelle modalità degli appalti».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Carla non ce l'ha fatta, il suo alpino Stefano la piange dopo la serenata davanti all'ospedale

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

  • Cacciatore cade in un dirupo e muore

  • Nuova ordinanza della Regione: aperti i negozi nei festivi. Ma si rimane in fascia arancione

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

Torna su
IlPiacenza è in caricamento