menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il comandante provinciale dei carabinieri Corrado Scattaretico

Il comandante provinciale dei carabinieri Corrado Scattaretico

«Piacenza? Una città a misura d'uomo». Scattaretico è il nuovo comandante dei carabinieri

Il colonnello Corrado Scattaretico è il nuovo comandante provinciale dei carabinieri: il suo percorso professionale vanta anche un arresto eccellente, la cattura del pericoloso latitante Gaetano Scotto del commando che uccise Borsellino

«Conosco ancora poco Piacenza ma la cosa che mi ha colpito maggiormente è che molte persone si spostano a piedi o in bicicletta: è una città a misura d'uomo». Ha preso servizio nella giornata del 7 settembre il nuovo comandante provinciale dei carabinieri, il colonnello Corrado Scattaretico.  

«Sono già a conoscenza - continua il comandante - di alcune problematiche della città: cercherò di portare avanti il lavoro del mio predecessore, il colonnello Fruttini». 

Il nuovo comandante ha già svolto alcune visite istituzionali incontrando il prefetto, il presidente del tribunale, il questore e il vescovo mentre nella giornata dell'8 settembre farà visita al comandante regionale. 

Il percorso professionale del colonnello Scattaretico, oltre importanti missioni all'estero, vanta anche un arresto eccellente: durante la sua esperienza di comandante a Chiavari si è occupato della cattura di un pericoloso latitante, Gaetano Scotto, accusato di aver partecipato alla preparazione dell'attentato che portò alla morte di Paolo Borsellino. 

Corrado Scattaretico è nato ad Aversa (Caserta) il 18 novembre 1967. Il colonnello è sposato e ha tre figli. Ha intrapreso la vita militare a 16 anni frequentando la scuola Militare "Nunziatella", l'accademia Militare e la scuola Ufficiali dei carabinieri. Ha conseguito la laurea in Giurisprudenza presso l'università degli studi di Roma "La Sapienza", quella in Scienze della sicurezza nazionale e internazionale (università degli studi di Roma Tor Vergata) e numerosi master in discipline internazionali, strategiche e di diritto umanitario, in Italia e all'estero. 

E' stato successivamente comandante della sezione omicidi di Napoli, delle compagnie carabinieri di piazza Armerina (En), Randazzo (Ct), Chiavari (Ge) e del reparto operativo di Frosinone. Ha prestato servizio all'estero due volte: a Sarajevo e in Kosovo. 

Dopo aver frequentato il 9o corso superiore di stato maggiore interforze, è stato capo della sezione Cooperazione internazionale di Polizia del comando generale dell'Arma rappresentando l'istituzione presso i massimi consessi europei del settore Giustizia e affari interni. 

E' ufficiale dell'ordine al merito della Repubblica italiana, cavaliere del sovrano militare ordine di Malta, dell'ordine equestre pontificio di San Silvestro Papa, dell'ordine costantiniano di San Giorgio, dell'ordine equestre del Santo Sepolcro. E' insignito della medaglia di bronzo al merito della Croce Rossa Italiana e della medaglia d'argento al merito di lungo comando. 

Il sindaco Paolo Dosi ha ricevuto il 7 settembre, in municipio, il nuovo comandante provinciale dei carabinieri, il colonnello Corrado Scattaretico. Un incontro che, come avviene tradizionalmente, ha rappresentato per il primo cittadino «L’occasione per porgere un saluto di benvenuto anche a nome della comunità piacentina, nonché per un augurio di buon lavoro, nel segno di quella collaborazione che da sempre contraddistingue il rapporto tra l’Amministrazione e l’Arma». Anche in qualità di presidente del Forum italiano per la Sicurezza urbana, il sindaco ha sottolineato «L’importanza di un impegno congiunto tra le istituzioni e le Forze dell’Ordine, per tutelare e promuovere la qualità della vita e la coesione sociale». 

Dosi e Scattaretico-2

Il comandante Scattaretico, che sostituisce il colonnello Filippo Fruttini che ha lasciato la nostra provincia con destinazione Palermo dove dirigerà l’ufficio siciliano dell’Oaio (Ordinamento Addestramento Informazioni Operazioni), ha sottolineato di essere particolarmente lieto di approdare nella nostra città e ha manifestato la volontà di proseguire l’ottimo lavoro portato avanti a Piacenza dal suo predecessore.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid-19: nel Piacentino altri 62 casi e otto decessi

  • Cultura

    Viaggio in anteprima nella sezione Archeologica restaurata del Farnese

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Case di riposo, quaranta ospiti in tutto il Piacentino rifiutano il vaccino

  • Cronaca

    In futuro vaccinazioni anche a Bobbio e a Bettola

Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento