rotate-mobile
Cronaca Castelvetro Piacentino

Ragazzina scomparsa nel nulla, ricerche ancora senza esito

Un grosso dispiegamento di forze è sceso in campo per cercare Madalina Claudia Husaru, 17enne di Castelvetro, di cui non si hanno più notizie dalla giornata del 30 maggio. La giovane ha acceso il cellulare per pochi secondi e poi l'ha spento di nuovo

AGGIORNAMENTO DELL’1 GIUGNO -  Sono Riprese alle 6 le ricerche di Madalina Claudia Husaru, 17enne di Castelvetro di cui non si hanno più notizie dal 30 maggio. Al campo base allestito davanti al Municipio del paese, è rimasto per tutta la notte il mezzo Unità di Comando Locale dei vigili del fuoco di Piacenza. Lì è rimasto per diverse ore anche il sindaco Luca Quintavalla. Il primo cittadino si è collegato in diretta telefonica con la trasmissione Rai “Chi l’ha visto?”, che ha mostrato più volte nel corso della punta la foto della ragazza. Il giorno della scomparsa Madalina Claudia indossava una maglia a fiori bianca, un paio di pantaloni scuri e aveva con sé uno zaino verde. 

Castelvetro, secondo giorno di ricerche per la 17enne scomparsa ©Trespidi e GVPC "I Lupi"/ilPiacenza

---------------------

Vigili del fuoco, carabinieri, volontari di diverse associazioni e la Protezione Civile. Un grosso dispiegamento di forze è sceso in campo per cercare Madalina Claudia Husaru, 17enne di Castelvetro Piacentino, di cui non si hanno più notizie dalla giornata del 30 maggio. La giovane, di nazionalità romena, ha lasciato la sua abitazione alle 7 del 30 maggio per prendere il bus per andare a scuola. Come ogni mattina il padre l'ha accompagnata alla fermata ma a scuola non è mai arrivata. La sera non è tornata a casa. Subito è scattata la denuncia da parte dei genitori alla stazione dei carabinieri del paese e nel primo pomeriggio del 31 maggio sono partite le ricerche a tappeto in tutta la zona, coordinate dalla Prefettura di Piacenza.

A portare le forze dell’ordine ad allestire il campo base di fronte al Municipio di Castelvetro, è stata la cella telefonica agganciata dal cellulare della ragazza, intorno alle 18.40 del giorno in cui è sparita nel nulla, proprio nella zona di Castelvetro. Il Coordinamento provinciale della Protezione Civile ha attivato una decina di squadre con unità cinofile al seguito. Il comandante dei carabinieri di Monticelli e il capo squadra dei vigili del fuoco di Fiorenzuola, dal mezzo Unità di Comando Locale hanno coordinato i volontari che, con sofisticati sistemi cartografici Gps, hanno battuto palmo a palmo campi, cascine e luoghi isolati, oltre all’argine del Po. Per controllare approfonditamente le sponde del Grande Fiume sono stati utilizzati un gommone dei vigili del fuoco e un natante di un volontario di Protezione Civile, oltre all’elicottero del 115 che ha sorvolato a bassa quota gli argini e le carraie.

Nel corso della pomeriggio è stato continuo il via vai di soccorritori volontari, carabinieri forestali e del radiomobile della compagnia di Fiorenzuola. Un maresciallo della stazione dei militari di Monticelli ha inviato un messaggio ‘WhatsApp’ alla ragazza, che pare averlo ricevuto intorno alle 16.40. Da lì la corsa in caserma per cercare di triangolare la cella ma il cellulare è rimasto acceso per pochi istanti. Un tempo brevissimo che purtroppo non ha dato esito positivo alle operazioni eseguite dai carabinieri per cercare di rintracciare l’area dalla quale la 17enne ha effettuato la connessione.

Intorno alle 19.30 alcune squadre erano ancora in azione nelle campagne di Castelvetro con la speranza di trovare qualche indizio che potesse portare alla ragazza prima del buio della notte. Le ricerche, che sono state seguite per tutto il tempo anche dal sindaco Luca Quintavalla e da alcuni suoi colleghi della Giunta, proseguiranno nella giornata di giovedì 1 giugno, già dalle prime ore dell’alba.

Ragazza scompare a Castelvetro ©Trespidi/IlPiacenza

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ragazzina scomparsa nel nulla, ricerche ancora senza esito

IlPiacenza è in caricamento