Rapina i coetanei e importuna una bidella: denunciato ecuadoriano

Ha solo 15 anni, ma deve già rispondere di denunce per violenza sessuale e rapina. E' un ragazzo ecuadoriano individuato dalla sezione minori della squadra mobile della polizia. Qualche mese fa deruba un 13enne piacentino in sala giochi: le telecamere immortalano la scena. Poi, a scuola, palpa una bidella. Ora, i genitori hanno pensato bene di farlo tornare in Sudamerica. L'immagine a circuito chiuso

polizia_23Bullismo e baby gang, la squadra mobile ha denunciato un 15enne ecuadoriano per due rapine ai danni di altrettanti compagni coetanei. Non solo. Oltre che di rapina deve rispondere anche di violenza sessuale: la polizia ha infatti accertato che a scuola ne ha approfittato per palpare il sedere di una bidella. Il ragazzino però attualmente è irreperibile in quanto i genitori hanno pensato bene di rimpatriarlo in Ecuador.

Le indagini della sezione minori della squadra mobile (in foto a sinistra gli operatori) sono iniziate qualche mese fa dopo che un 13enne piacentino aveva raccontato ai genitori di essere stato rapinato di 40 euro che aveva nel portafogli da alcuni bulli sudamericani incontrati in sala giochi.

  Il ragazzino, già con un passato scolastico non idilliaco, ora è tornato in Sudamerica. Ma le denunce nei suoi confronti rimangono  

Il racconto del ragazzino è stato supportato anche dalle immagini delle telecamere a circuito chiuso che erano installate all'ingresso della sala giochi e che hanno ripreso istante per istante la rapina. Dai fotogrammi si vede il 15enne ecuadoriano che, spalleggiato dai suoi amici, gli prende il portafogli con il denaro, mentre gli altri lo tengono fermo.

Stessa scena, con vittima un altro ragazzino però, qualche tempo dopo nella scuola superiore della città frequentata dal sudamericano. Stavolta ha rubato i dieci euro che al compagno di classe servivano per la merenda e che teneva nell'astuccio.

Quando la polizia lo ha individuato, scavando nella sua storia di studente non proprio modello, è saltato fuori che in un'occasione aveva palpato anche il sedere alla bidella per mostrare la sua virilità. Un atteggiamento che però gli è costato anche una denuncia per violenza sessuale.

I genitori, intuendo che probabilmente per il loro "pargolo" le cose si stavano mettendo male, hanno quindi pensato di rimpatriarlo, anche se dalla questura di viale Malta confermano che il procedimento penale nei suoi confronti andrà avanti ugualmente.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sotto, la scena della prima rapina, quella alla sala giochi, dove a sinistra si vede il sudamericano che sta rovistando nel portafogli della vittima (che si trova in basso a sinistra in un angolo ma non si vede bene) mentre gli amici restano nell'indifferenza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Frontale a Castellarquato: muore un uomo, altre due persone sono gravissime

  • Scontro Cavanna-Burioni sull’utilizzo della idrossiclorichina per combattere il Covid

  • Travolto da un Tir mentre cammina al buio sul cavalcavia, 24enne in fin di vita

  • Frontale lungo la Provinciale, muore in auto di fianco alla moglie

  • Nuovo Dpcm: Conte ha firmato, che cosa cambia da domani

  • Ha una relazione con l'allieva, lei lo perseguita e lui la denuncia per stalking

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento