Condannato per rapina: arrestato latitante a Borgotrebbia

Nel 2003 con un complice aveva rapinato la sede di Broni della Cassa di risparmio di Parma e Piacenza, impossessandosi di trentamila euro. Nel gennaio 2016 la condanna è diventata irrevocabile ed è stato portato in carcere

Immagine di repertorio

A conclusione di una breve latitanza è stato rintracciato e arrestato dai militari del Nucleo Investigativo dei Carabinieri di Piacenza, nel corso della serata di mercoledì 10 febbraio, Angelo Milazzo, 50enne siciliano ma nel Piacentino da anni, ritenuto colpevole di una rapina a mano armata avvenuta il 25 agosto 2003. Con un complice aveva assaltato la sede di Broni della Cassa di risparmio di Parma e Piacenza, impossessandosi di trentamila euro. Milazzo era stato condannato nel 2009 dal Tribunale di Voghera, sentenza confermata dalla Corte d’Appello di Milano nel 2014 ed infine divenuta irrevocabile nel gennaio 2016 dopo che il ricorso per cassazione era stato respinto.

Negli anni il 50enne aveva più volte cambiato domicilio e residenza, sempre nell’ambito di Piacenza e provincia, si era sottratto alla cattura sino alla sera del 10 febbraio quando i carabinieri della sezione Catturandi lo hanno rintracciato in via Talamoni mentre era alla guida dell'auto di un famigliare.  E' stato portato alle Novate per scontare la pena residua di cinque anni, nove mesi e undici giorni di reclusione per concorso in rapina e sequestro di persona aggravati. Milazzo, con un complice avrebbe anche rapinato la  filiale di Villa Cella dell'ex Banco San Geminiano e San Prospero a Reggio Emilia nel 2003. Infine i due sarebbero anche gli autori di altre due rapine ai danni di istituti di credito di Rovereto, in provincia di Trento. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • Brugnello, Rivalta, Vigoleno: Valtrebbia e Valdarda grandi protagoniste a "Linea Verde"

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

  • «Disobbedire e aprire i locali? Non ha senso. La vera protesta sarebbe chiuderli: stop a delivery e asporto»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento