Rave party nell'ex 'Rivoli' a Monticelli, tredici denunce

I carabinieri hanno portato avanti le indagini per identificare organizzatori e partecipanti. A distanza di 15 giorni hanno denunciato tredici persone Si tratta di due 42enni e altri tra i 19 e i 24 anni, veneti ed emiliani. Tra loro anche qualche piacentino

I carabinieri davanti al capannone dove lo scorso 14 aprile si svolse il rave party (foto Trespidi)

A distanza di quindici giorni dal rave party nello stabilimento dell’ex Rivoli a Monticelli, i carabinieri della Compagnia di Fiorenzuola hanno denunciato tredici persone per invasione di terreni ed edifici e organizzazione di manifestazioni non autorizzate. Si tratta di due 42enni e altri tra i 19 e i 24 anni, veneti ed emiliani. Tra loro anche qualche piacentino. Tutti erano presenti alla festa non autorizzata organizzata in un capannone sulla Padana Inferiore a Monticelli, nella notte tra il 14 e 15 aprile. Più di cinquecento, tra ragazzi e ragazze, avevano affollato lo stabilimento in stato di abbandono da diversi anni, dove era stata organizzata una serata ‘condita’ da musica ad alto volume, alcol e droghe. Il curatore fallimentare dell’area ha presentato denuncia ai carabinieri e i militari della Stazione di Monticelli hanno portato avanti le indagini per identificare organizzatori e partecipanti.

Le prime segnalazioni al 112 erano arrivate intorno a mezzanotte dai residenti della vicina frazione di San Pedretto, disturbati dalla musica ad alto volume e dagli schiamazzi della gente che man mano si radunava all’interno del capannone. In tanti lo raggiunsero a piedi camminando pericolosamente sulla provinciale al buio, altri con le loro auto parcheggiate negli spiazzi sul retro. I carabinieri della Compagnia di Fiorenzuola, sul posto con il maggiore Biagio Bertoldi, e gli agenti della polizia Municipale della Bassa, avevano presidiato l’area per tutta la notte, per poi dare inizio agli accertamenti e all’identificazione di mezzi e persone nel corso della giornata seguente. Per evitare di creare disordini era stato fatto sì che la gente uscisse da sola, senza interrompere la festa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le spaccano la faccia contro una cancellata per rapinarla della borsa

  • Scaraventano un cancello contro la polizia per scappare dopo il colpo: quattro arresti

  • Cacciatore cade in un dirupo e muore

  • Cene e ritrovi clandestini in due locali, blitz della finanza: multa per tutti e attività sospesa

  • L'annuncio di Bonaccini: «La regione torna “zona gialla” da domenica»

  • Il divieto di spostamento tra comuni non piace a nessuno: «Così non potranno vedersi genitori e figli»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento