Le tracce fiutate dai cani portano a Veleia, gli amici di Elisa: «Segnalate qualsiasi rifugio, cava e cunicolo»

Utili sarebbero state anche le segnalazioni di alcuni residenti che conoscono bene la zona. Un altro appello degli amici di Elisa: «Agli investigatori servono informazioni certe su rifugi, cave, anfratti e simili». Attesi gli speleologi

Ieri l'ultimo giorno del campo base a Sariano di Gropparello

Rifugi, cave, cunicoli inaccessibili nella fitta boscaglia tra Gropparello e Veleia, fino a Morfasso. Massimo Sebastiani qui potrebbe nascondersi e qui potrebbe aver costruito un “bunker”, un luogo segreto e ben mimetizzato con il resto della vegetazione. Gli investigatori (i carabinieri del Nucleo Investigativo di Piacenza, del Nucleo Operativo di Fiorenzuola e quelli della Stazione di Carpaneto) stanno cercando il tornitore 45enne, con l’amore per la campagna e soprattutto per Elisa Pomarelli, in queste zone, a volte piuttosto impervie. Proprio per questo motivo, all’alba del 31 agosto che segna il via del sesto giorno consecutivo di ricerche, nel nuovo punto di ritrovo dei volontari e delle forze dell’ordine a Veleia Romana, arriveranno anche tecnici speleologi del Soccorso Alpino. A portare gli inquirenti a prendere la decisione di concentrare tutte le forze delle squadre in un’altra zona piuttosto vasta sarebbero state alcune tracce fiutate dai cani molecolari della Protezione Civile e dei vigili del fuoco; oltre a diverse segnalazioni giunte al coordinamento al campo base di Sariano solo nelle scorse ore, da parte di persone che vivono nelle frazioni di questi comuni e il territorio lo conosco bene. E per il sesto giorno ci saranno ancora gli amici di Elisa, «nonostante la stanchezza e lo stress» - dice Dayana. Insieme saranno al fianco degli addetti alle ricerche per potere dare, in qualche modo, una mano in più. «Oggi le Forze dell'Ordine hanno voluto parlare con noi amici e volontari – scrive in un post su Facebook un’amica di Elisa, Francesca Dallavalle -. Ci è stato detto che l'unica cosa che possiamo fare che sia veramente utile è reperire informazioni certe su rifugi, cave, anfratti e simili presenti nel territorio in cui si sta spostando il campo base, ossia nei pressi della sede della Proloco sul confine tra i comuni di Morfasso (Caragnone) e Lugagnano».

La richiesta di censire in qualche modo questi luoghi farebbe pensare che secondo gli inquirenti Massimo Sebastiani, scomparso il 25 agosto così come l’amica Elisa Pomarelli, potrebbe essere fuggito e aver ricavato un riparo di fortuna in un nascondiglio nel bosco. Perché lui questi boschi li conosceva bene, «molti li curava lui: lo si poteva trovare qua sia in estate sia in inverno – racconta un conoscente – anche con modi di fare un po’ insoliti come tagliare la legna a torso nudo quando le temperature erano di poco al di sopra dello zero: “Ah non ho mica freddo”, diceva». Trovarlo vorrebbe dire ritrovare Elisa e così, nel fine settimana, «saranno implementate le squadre e le unità cinofile» - fa sapere il Prefetto di Piacenza Maurizio Falco -, anche perché «il territorio è molto vasto e non agevole da percorrere in quanto in certi tratti scosceso anche per gli esperti della collina piacentina che devono mettersi sulle tracce della coppia di amici».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto si ribalta dopo lo schianto contro il terrapieno, muore un uomo

  • Schianto all’incrocio: tre feriti, gravissima una ragazza

  • Fontana: «Il virus girava da mesi, Piacenza è la provincia con i numeri peggiori»

  • Assalto al bancomat nella notte, il colpo va a segno

  • Carabinieri chiamati per una lite trovano il bar pieno di gente, multa e locale chiuso

  • Intossicato mentre lavora in una cisterna, operaio gravissimo

Torna su
IlPiacenza è in caricamento