Richiedente asilo aggredito a Bettola, tre denunce

Potrebbero esserci dei dissapori personali alla base di quanto successo nei giorni scorsi a Bettola e sui fatti stanno indagando i carabinieri della compagnia di Bobbio. Un richiedente asilo sarebbe stato aggredito da tre persone del paese

Potrebbero esserci dei dissapori personali alla base di quanto successo nei giorni scorsi a Bettola e sui fatti stanno indagando i carabinieri della compagnia di Bobbio: i militari hanno denunciato tre persone per violenza privata, ingiurie e minacce aggravate da motivi razziali e danneggiamento in seguito ad incendio, uno dei tre dovrà rispondere anche di lesioni aggravate e porto di oggetti atti all'offesa. Tutto sarebbe iniziato qualche giorno fa - fanno sapere dall'Arma - quando un uomo avrebbe scagliato un oggetto, non ancora identificato, pare, contro la facciata della palazzina dove sono ospitati alcuni richidenti asilo della Costa D'Avorio, gestiti da Gus di Macerata (Gruppo Umana Solidarietà). Una scheggia ha colpito uno straniero all'occhio provocandogli una leggera lesione medicata in pronto soccorso. Il giorno dopo l'ivoriano, mentre camminava in piazza Colombo, avrebbe schivato un boccale di birra che gli era stato scagliato contro da un uomo, quest'ultimo poi avrebbe preso una spranga e lo avrebbe raggiunto e colpito più volte. In questa occasione il profugo non si è fatto medicare in ospedale. In serata, l'aggressore e due amici, si sarebbero diretti all'abitazione dei richiedenti asilo e avrebbero dato fuoco a del liquido infiammabile prima lanciato su un balcone. Le fiamme, che sono state spente in pochi minuti, hanno distrutto un paio di scarpe e una sedia di plastica. In tutti e tre gli episodi sarebbero state pronunciate frasi offensive a sfondo razziale. I carabinieri stanno tuttora indangando per ricostruire l'accaduto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • Carla non ce l'ha fatta, il suo alpino Stefano la piange dopo la serenata davanti all'ospedale

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

  • Con la caldaia rotta accendono il gas per scaldarsi, famiglia intossicata

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

  • Farini, addio al ristoratore Adriano Figoni

Torna su
IlPiacenza è in caricamento