Coronavirus, sono arrivati i rinforzi per l'ospedale di Piacenza

Sei medici di diverse specialità hanno preso servizio la mattina del 27 marzo per affrontare l'emergenza Covid 19

I sei medici giunti in rinforzo allì'ospedale di Piacenza

Hanno preso subito servizio la mattina del 27 marzo i sei medici giunti in rinforzo all'ospedale di Piacenza per affrontare l'emergenza Covid-19. Si tratta dei sei professionisti che hanno risposto all’appello della Protezione Civile. I sanitari, provenienti per lo più dalla Toscana e da Roma, si sono resi disponibili a venire a lavorare negli ospedali più colpiti dal virus. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sono specialisti di diversi settori, e che sono stati inseriti all’interno delle equipe di Malattie infettive, Terapia intensiva e in uno dei reparti covid dedicati, l’Emergenza sanitaria 2. 
I medici sono stati accolti nella tarda serata del 26 marzo alla caserma dei vigili del fuoco di Piacenza per un breve ristoro dopo il viaggio a bordo di un volo della Guardia di Finanza atterrato a Orio al Serio. Al loro arrivo in città, a bordo di mezzi del coordinamento della Protezione civile di Piacenza, hanno incontrato il direttore generale dell'Ausl di Piacenza Luca Baldino, che ha portato il saluto e il ringraziamento di tutto il personale sanitario piacentino. La mattina del 27 marzo i camici bianchi hanno avuto un incontro con la direzione sanitaria, per avere il quadro della situazione in ospedale, e poi sono stati destinati ai reparti, in cui hanno iniziato la loro attività.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Esce di strada e si ribalta in un campo, muore a 32 anni

  • Ruba scarpe da 40 euro ma nella mascherina ne ha più di 6mila: nomade denunciata

  • Nina Zilli porta Guido Meda in giro per la Valtrebbia

  • Cavo nel bosco ad altezza gola, ciclista piacentino salvo per miracolo

  • Invia le foto del tradimento alla moglie dell'amante della sua compagna, prima condanna per revenge porn a Piacenza

  • «Ho ucciso Leonardo, ma l’ho fatto per difendermi. Chiedo scusa alla famiglia»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento