rotate-mobile
Cronaca

Ripresa degli incentivi per la conversione a gas degli automezzi

Anche il Comune di Piacenza è tra le 674 municipalità italiane che hanno siglato una convenzione con il Ministero dell’Ambiente per la promozione dell’uso degli impianti a Gpl e metano

Anche il Comune di Piacenza è tra le 674 municipalità italiane che hanno siglato una convenzione con il Ministero dell’Ambiente per la promozione dell’uso degli impianti a Gpl e metano: fino ad esaurimento dei fondi disponibili – oltre 1 milione e 800 mila euro, complessivamente – si possono prenotare i relativi contributi economici.

Gli incentivi riguardano tre diverse categorie. La maggior parte dei finanziamenti, 1 milione e mezzo di euro, è destinata alla conversione delle auto Euro 2 ed Euro 3, immatricolate dopo il 1° gennaio 1997 e di proprietà di persone fisiche o giuridiche residenti e con sede legale o operativa nei Comuni aderenti all’iniziativa. Gli importi dei contributi ammontano a 500 euro per il Gpl e 650 euro per il metano, di cui 150 euro a carico delle officine in cui gli impianti vengono installati.

I restanti 300 mila euro riguardano la trasformazione dei veicoli commerciali leggeri, inferiori a 3,5 tonnellate, purchè adibiti al trasporto in conto proprio e non per conto terzi. Da una parte gli incentivi bi-fuel, rivolti alle trasformazioni a Gpl e metano dei mezzi di categoria 2, immatricolati dopo il 1° gennaio 1997: 750 euro per il passaggio al Gpl, 1000 euro per il metano. Dall’altra parte, gli incentivi Dual-Fuel, rivolti alle trasformazioni diesel/Gpl e diesel/metano, con uso combinato dei due carburanti. Anche in questo caso, i contributi vanno dai 750 euro per il Gpl ai 1000 per il metano; alcuni dei mezzi che beneficeranno di questa tipologia di incentivi, verranno dotati di dispositivi portatili di misurazione delle emissioni, allo scopo di verificare la possibilità di consentire, alla categoria Dual-Fuel, la libera circolazione in deroga ai provvedimenti di limitazione al traffico previsti dal Piano aria integrato della Regione Emilia Romagna.

Gli automobilisti interessati devono rivolgersi a un’officina aderente all’iniziativa, il cui elenco completo è consultabile sul sito www.ecogas.it . Qui, dopo la verifica della disponibilità residua di fondi e l’ottenimento del codice di prenotazione necessario, verrà confermata la possibilità di installare i nuovi impianti; il contributo verrà detratto nella fattura, come sconto rispetto al listino dei prezzi massimi. A disposizione ulteriori informazioni anche sul sito https://icbi.comune.parma.it . “Si tratta di un’iniziativa importante – commenta l’assessore all’Ambiente Giorgio Cisini – che offre anche ai cittadini di Piacenza l’opportunità di fruire di un’agevolazione che favorisce sia il risparmio economico, sia la tutela della qualità dell’aria”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ripresa degli incentivi per la conversione a gas degli automezzi

IlPiacenza è in caricamento