“Roberto Reggi e il Festival Tsipras”. Altra lettera critica sul Festival del Diritto pubblicata su Italia Oggi

Altra frecciata diretta al “Festival del Diritto”, pubblicata sul quotidiano nazionale di Pierluigi Magnaschi, dopo la lettera del giorno precedente nella quale la manifestazione veniva indicata come “inutile caravanserraglio”

Stefano Rodotà

Altra frecciata diretta al “Festival del Diritto”  pubblicata sul quotidiano nazionale di  Pierluigi Magnaschi. Dopo la lettera del giorno precedente nella quale la manifestazione veniva indicata  come “inutile caravanserraglio”, Patrizio Guerini scrive:

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ho saputo che il presidente della Camera di commercio di Piacenza ha detto che, se il governo confermerà i tagli al suo ente, non potrà più finanziare il locale Festival dl diritto a beneficio di Rodotà. E ho letto su ItaliaOggila lettera, che condivido, di un lettore che si domandava: se il festival del Diritto chiude, per inedia di sovvenzioni pubbliche, allora vuol dire che i tagli cominciano a fare del bene. Dietro questa vicenda c’è inoltre un singolare siparietto politico. A Piacenza il Festival del diritto è stato infatti, motivatamente, denominato il “Festival Tsipras”. Cioè è giusto l’opposto dei valori e del metodo nei quali crede Matteo Renzi. Ebbene il festival Tsipras è stato inventato dall’attuale sottosegretario renzista alla pubblica istruzione, Roberto Reggi (quand’era sindaco di Piacenza; pochi anni fa; ma epoche geologiche fa, politicamente parlando) che adesso che ha fatto uscire il “genio” dalla lampada di Aladino della spesa pubblica  alluvionale per motivi ideologici, non riesce più a farlo rientrare nelle lampada anche se ha brigato perché come sindaco di Piacenza fosse nominato un suono uomo. E ciò avviene mentre gli ambienti renziani della capitale seguono, molto imbarazzati, la vicenda che rischia di scoppiare loro fra le mani.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scontro tra due camion in autostrada, muore 56enne piacentino

  • Si schianta in moto contro un'auto che fa inversione, giovane all'ospedale

  • Norme anti covid, multati due locali aperti dopo mezzanotte. Nei guai anche un cliente senza mascherina

  • Sbanda con l'auto e si ribalta, è grave

  • Ladri sfondano l'ingresso e portano via le bici da corsa, fallisce il colpo da Raschiani

  • Incidente a San Rocco, chiuso temporaneamente il ponte di Po

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento