menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Nella foto di repertorio un furgone simile a quello in dotazione al Comune di Alseno

Nella foto di repertorio un furgone simile a quello in dotazione al Comune di Alseno

Rubano il camion dal deposito comunale, si sentono "osservati" e lo portano indietro

Qualcuno in tarda serata è riuscito ad entrare nel magazzino comunale e rubare un furgone. I membri del gruppo di controllo del territorio lo hanno notato ed è iniziato il tam-tam della segnalazione. Dopo circa un’ora il mezzo ha fatto ritorno nel posto in cui era custodito

Singolare episodio quello avvenuto la sera di venerdì 22 marzo ad Alseno. Qualcuno in tarda serata è riuscito ad entrare nel magazzino comunale e rubare il camion in dotazione agli operai dell’ufficio Tecnico. Fin qui nulla di strano, se non che dopo circa un’ora e mezza il mezzo ha fatto ritorno nel posto in cui era custodito.

Erano le 22 quando alcuni residenti nella zona hanno notato il furgone dirigersi a velocità sostenuta verso Fidenza. «Ho subito pensato che ci fosse un’emergenza in corso e ho contattato gli agenti di polizia locale per chiedere conferma – ci racconta un testimone e membro del gruppo di controllo del territorio -. Da loro ho saputo però che nessun dipendente era stato autorizzato a quell’ora ad uscire in strada con il mezzo del Comune e ho capito subito che si trattava di qualche ladro». La segnalazione ha iniziato subito a circolare sui gruppi Whats’App di tutta la Valdarda e sulle tracce del camion si sono messi anche i vigili in borghese. Il mezzo non è di certo passato inosservato in quanto dotato di lampeggiante e insegne del Comune; ed è stato avvistato più volte anche verso Fiorenzuola e alla Barabasca. Dopo più di un’ora uno dei testimoni che ha lanciato per primo l’allarme ha percorso nuovamente la via dietro al deposito comunale e, meravigliato, ha notato il camion nel piazzale: «Hanno addirittura chiuso il cancello con il lucchetto come lo avevano trovato. Si saranno sentiti “osservati” e hanno preferito riportarlo nel posto in cui lo avevano rubato».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Addio a don Giancarlo Conte, fondatore di San Giuseppe operaio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento