Rubano trolley e borsette sui treni: bloccati dalla polizia, denunciati tre marocchini

Hanno rubato un trolley e una borsetta su un treno, pensavano di averla fatta franca ma sono stati visti e bloccati dalla polizia. E' successo poco prima delle 7 del 7 gennaio sul treno Brindisi-Milano. Denunciati tre giovani marocchini

repetorio

Hanno rubato un trolley e una borsetta su un treno, pensavano di averla fatta franca ma sono stati visti e bloccati dalla polizia. E' successo poco prima delle 7 del 7 gennaio sul treno Brindisi-Milano. Tre marocchini tra i 20 e 25 anni, senza dimora, e irregolari, pieni di precedenti penali per furti sui treni, rapine e spaccio e con provvedimento di espulsione, avevano pensato bene di rubare un trolley di un passeggero, di portarlo in una toilette per aprirlo e cercare qualcosa di valore. Un addetto delle pulizie però li ha visti e ha chiamato il capotreno che in pochi minuti ha trovato la vittima del furto e chiamato la polizia.

Sul convoglio, fermo in stazione a Piacenza, sono saliti gli agenti delle volanti che hanno fermato e poi portato in questura i tre. Insieme al trolley gli stranieri avevano anche una borsetta, rubata poco prima. Dopo qualche verifica gli agenti sono risaliti alla proprietaria, una donna di Milano. Nelle calze di uno dei tre malviventi c'erano infatti gli 840 euro che la donna ha riferito di avere avuto nel portafoglio al momento del furto. Gli stranieri sono stati denunciati per furto e sono state avviate le pratiche per la loro espulsione dall'Italia, la refurtiva è stata riconsegnata ai legittimi proprietari. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • Brugnello, Rivalta, Vigoleno: Valtrebbia e Valdarda grandi protagoniste a "Linea Verde"

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

  • «Disobbedire e aprire i locali? Non ha senso. La vera protesta sarebbe chiuderli: stop a delivery e asporto»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento