Salmonellosi mense di Piacenza, 30 casi Reggi: "Nessun pericolo"

Il direttore dell'Ausl Bianchi e il sindaco Reggi assicurano bimbi e genitori: "Mense sicure, tutto nella norma". Trenta casi accertati. Bianchi: "Ogni anno ci sono 80 o 90 casi segnalati. Si tratta di una situazione nella norma. Non sono previsti interventi sulla collettività, è una patologia dall'evoluzione benigna". Colpevole una partita di salame

Reggi e Bianchi in conferenza stampa

"I genitori possono stare tranquilli: le mense di Piacenza sono assolutamente sicure". E' il sindaco di Piacenza Roberto Reggi, insieme al direttore generale dell'Ausl Andrea Bianchi a rassicurare la cittadinanza, con una conferenza stampa convocata nel tardo pomeriggio, sul rischio salmonellosi nei pasti dei refettori delle scuole cittadine. 

SALAME CON BATTERIO - Il primo cittadino ripercorre la vicenda, segnalando come, il 16 febbraio scorso, "durante i controlli che vengono fatti periodicamente nelle mense", viene individuata una partita di salame con il batterio. "L'azienda produttrice, una ditta serissima, è stata immediatamente avvisata, e ha dato la massima disponibilità a qualsiasi altro controllo", dice Reggi. Subito partono i procedimenti per la messa in sicurezza delle mense. Parallelamente a questo episodio - "nato dalle minuziose e continue verifiche", precisa Reggi - all'Ausl sono stati segnalati alcuni casi di bimbi con il batterio. Ma la correlazione, dicono Bianchi e Reggi, non è stata verificata.

30 BIMBI COLPITI - I casi accertati, dunque - che potrebbero, in ogno modo, provenire da diversi ceppi di contagio -, sono stati finora trenta. "Non c'è da allarmarsi - dice Bianchi -, ogni anno l'Azienda segnala una novantina di casi. Si tratta di una patologia dall'evoluzione benigna, che può essere curata bene e che non lascia "segni" ai bambini. Di solito in poche settimane si risolve tutto, anche meno. Un intervento sulla collettività (per esempio, la profilassi per la meningite, ndr) non serve a nulla, crea solo inutili allarmismi. Si contattano solo le famiglie con i casi conclamati". Tutti i bambini, fanno sapere dall'Azienda sanitaria, sono tenuti sotto stretta osservazione e i genitori informati. 

"L'INIZIATIVA GIUDIZIARIA E' UNA LORO SCELTA" - Sul calo della partecipazione alle mense scolastiche, l'assessore comunale al Futuro Giovanni Castagnetti ha precisato: "E' un periodo di influenze e altri virus, è fisiologico. Alle mense, in questo momento, manca un quinto dei bambini". Sull'iniziativa giudiziaria e i colloqui con i carabinieri di alcuni genitori Reggi allarga le braccia: "E' una loro scelta, probabilmente per tutelarsi... ma certamente nessun bambino avrà danni. E' stato fatto tutto nei tempi, con rigore e a norma di legge".

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Frontale a Castellarquato: muore un uomo, altre due persone sono gravissime

  • Scontro Cavanna-Burioni sull’utilizzo della idrossiclorichina per combattere il Covid

  • Travolto da un Tir mentre cammina al buio sul cavalcavia, 24enne in fin di vita

  • Frontale lungo la Provinciale, muore in auto di fianco alla moglie

  • Nuovo Dpcm: Conte ha firmato, che cosa cambia da domani

  • Come non sporcare la mascherina con il trucco

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento