rotate-mobile
Giovedì, 9 Dicembre 2021
Cronaca Belvedere / Via Vittorio Veneto

Scambiato per un ladro ma era solo ubriaco e aveva sbagliato casa

Assolto dal tentato furto in abitazione per il quale era stato arrestato. E' finita così la vicenda che vede coinvolto un romeno che una sera era tornato a casa ubriaco fradicio e si era confuso arrampicandosi su una grondaia ed entrando in una appartamento disabitato

Era accusato di tentato furto in abitazione perché fu sorpreso dai poliziotti dopo essersi arrampicato su una grondaia e aver spaccato il vetro di un appartamento disabitato nella zona di via Veneto. Era ubriaco fradicio e per farlo salire in auto gli agenti hanno dovuto ammanettarlo: non era collaborativo e molesto, di lì l’accusa di resistenza a pubblico ufficiale. In manette quindi, per tentato furto e resistenza a pubblico ufficiale, finì un romeno di 35 anni che il 3 novembre è stato assolto: di fatto aveva sbagliato casa, voleva tornare nella sua (senza chiavi) ma visto lo stato di ebbrezza si era confuso. Il pm Monica Bubba ha chiesto 8 mesi, il giudice Gianandrea Bussi l’ha condannato a 6 mesi solo per la resistenza a pubblico ufficiale. Quella sera lo straniero, che ha un lavoro e che abita poco distante (con un contratto prodotto in aula), barcollava in mezzo alla strada e dopo aver rovesciato alcuni bidoni, si è arrampicato sulla grondaia e ha spaccato un vetro. Un vicino l’ha notato e ha chiamato la polizia arrivata sul posto in pochissimi minuti. Addosso – ha sostenuto la difesa, l’avvocato Gloria Zanardi – non aveva nessun arnese da scasso, né tantomeno oggetti rubati né era travisato. Sul retro dell’immobile, se fosse stato un ladro, avrebbe trovato una finestra aperta e non avrebbe di certo fatto rumore attirando l’attenzione. L’uomo quindi con buona pace ha semplicemente sbagliato casa dopo una serata assolutamente alcolica

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scambiato per un ladro ma era solo ubriaco e aveva sbagliato casa

IlPiacenza è in caricamento