Scomparsa da tre settimane, continuano senza sosta le ricerche di Svetlana Mihajlova

Proseguono senza sosta le ricerche di Svetlana Mihajlova, la 51enne macedone, che dal 30 marzo è scomparsa dalla sua abitazione a Piacenza. E' stata ripresa nel sottopassaggio della stazione. Chiunque l'abbia vista contatti le forze dell'ordine

Svetlana Mihajlova

Proseguono senza sosta le ricerche di Svetlana Mihajlova, la 51enne macedone, che dal 30 marzo è scomparsa dalla sua abitazione a Piacenza. E' uscita di casa per fare alcune commissioni, fanno sapere dalla questura, portando con sé pochi contanti e il cellulare ma non i documenti. Il marito e il figlio, sapendo che la donna stava attraversando un periodo difficile, l'hanno chiamata più volte per convincerla a tornare ma non ci sono riusciti. Alle 14.30 l'ultimo contatto: il cellulare della donna ha agganciato le celle di Rimini, poi più nulla. Il marito ha immediatamente presentato denuncia alla questura che ha attivato il protocollo previsto in questi casi, anche perché la donna assume farmaci e aveva già manifestato alcuni segnali di disagio. Le telecamere di sorveglianza della stazione ferroviaria, come ha riferito il comandante della Polfer, Salvatore Altieri, hanno ripreso la donna il giorno della scomparsa nel sottopassaggio alle 10. La 51enne potrebbe aver preso un treno diretto sulla riviera romagnola. La foto è stata diramata alle forze dell'ordine e le ricerche continuano senza sosta. Anche la trasmissione Rai Chi l'ha visto? si è occupata del caso. Chiunque possa averla vista contatti immediatamente le forze dell'ordine. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • Piacenza e l'Emilia-Romagna in zona arancione: quello che c'è da sapere

  • Animale sulla strada, si ribalta tra il guard rail e il muro di una casa

  • Con la caldaia rotta accendono il gas per scaldarsi, famiglia intossicata

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

Torna su
IlPiacenza è in caricamento