rotate-mobile
Sabato, 25 Marzo 2023
Cronaca

Scompenso cardiaco: quando il cuore non ce la fa

Gli esperti la definiscono la vera epidemia del nostro secolo: lo scompenso cardiaco colpisce 15 milioni di persone in Europa. In Italia è responsabile di 500 ricoveri al giorno, per un totale di 1 milione di malati

Gli esperti la definiscono la vera epidemia del nostro secolo: lo scompenso cardiaco colpisce 15 milioni di persone in Europa. In Italia è responsabile di 500 ricoveri al giorno, per un totale di 1 milione di malati. Si tratta di una condizione caratterizzata dalla ridotta capacità del cuore di pompare la quantità di sangue adeguata per ossigenare gli organi. I numeri dello scompenso sono in crescita: si prevede un raddoppio dei casi nel 2030. È più frequente negli anziani, ma non risparmia i giovani: un quarto dei soggetti colpiti ha un’età inferiore ai 65 anni. Lo scompenso è più comune di molti tumori maligni e spesso è caratterizzato da una prognosi peggiore: è la principale causa di morte e di ricovero in ospedale.

Tutti questi dati preoccupanti hanno indotto la Società europea di Cardiologia a promuovere da anni una campagna di sensibilizzare che informi adeguatamente la popolazione sui rischi di questa patologia. Dopo l’esperienza positiva del 2014, nella quale Piacenza era stata città pilota per la realizzazione delle Giornate europee dello scompenso cardiaco in Italia, quest’anno il modello si allarga a tutto il Paese. E sul nostro territorio si quintuplica lo sforzo, nel tentativo di portare informazione e prevenzione anche fuori dagli ospedali. Dal 2 al 10 maggio sono in calendario una serie di eventi dedicati alla salute del cuore:
l'obiettivo, ancora una volta, è quello di sensibilizzare, per attivare un circuito virtuoso che metta le persone in condizione di riconoscere i sintomi e arrivare a una diagnosi precoce o, nel caso di malattia accertata, a convivere al meglio con lo scompenso.

Medici e infermieri di Piacenza, Bobbio, Castelsangiovanni e Fiorenzuola allestiranno postazioni informative. L’appuntamento che chiude la settimana è a Pontedellolio, con una partita di calcio benefico che si svolge in contemporanea a uno stand di sensibilizzazione in piazza. I professionisti Ausl saranno anche in piazza Cavalli, in occasione della Festa del volontariato Svep, per uno screening gratuito delle aritmie. Domenica mattina 3 maggio, invece, l’invito è alla Camminata delle associazioni nell’ambito della Placentia Half Marathon for Unicef.
A Piacenza gli stand informativi sono fissati per mercoledì 6 maggio davanti all'ospedale sabato 9 in largo Battisti. Entrambi gli appuntamenti si svolgono in collaborazione col Gruppo europeo di Cardiologia preventiva e riabilitativa.
Altro importante momento è per il pomeriggio di sabato 9 maggio, ai Teatini, con un incontro informativo rivolto ai pazienti e familiari. 
Per seguire gli appuntamenti della campagna a Piacenza e in tutta Italia basta cliccare su  www.iltuocuore.com o sulla pagina www.facebook.com/scompensocardiaco.
Per chi vuole condividere la propria personale partecipazione alle iniziative, l’hashtag di riferimento è #ascoltailtuocuore.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scompenso cardiaco: quando il cuore non ce la fa

IlPiacenza è in caricamento