rotate-mobile
Mercoledì, 21 Febbraio 2024
Questura

Scopre che il figlio 14enne si droga e denuncia gli spacciatori: cinque nei guai

Operazione della squadra mobile di Piacenza, perquisizioni tra Piacenza e Bergamo

E' stato grazie al coraggio di un genitore che accortosi che il figlio adolescente aveva problemi di droga ha denunciato gli spacciatori, è stato possibile per la polizia individuare cinque persone, due italiani e tre stranieri, che sono ora nei guai per spaccio.
Come detto, a rivolgersi alla questura è stato il padre di un 14enne che aveva iniziato a fare uso di hascisc e marijuana, acquistandola da un italiano di 19 anni.

«Il ragazzino non riusciva però a saldare il debito con lo spacciatore - spiega la polizia di Piacenza - ed avanzava insistenti richieste di denaro ai genitori per pagare lo spacciatore. Il padre decideva di approfondire cosa avesse causato il disperato bisogno di soldi del ragazzino e scopriva dalle chat contenute nel suo telefono cellulare il pericoloso giro in cui era finito loro figlio».
A questo punto il caso è finito nelle mani della  squadra mobile: gli agenti, dopo aver ascoltato diversi acquirenti, tutti giovanissimi e alcuni minorenni, hanno avuto un quadro chiaro della rete di spaccio che coinvolgeva i cinque che sono stati indagati.

«Nel corso delle indagini - spiega la questura - veniva inoltre individuato il grossista di riferimento del principale indagato, ovvero un cittadino straniero in passato residente a Piacenza ma da tempo trasferitosi a Bergamo.
All’esito delle perquisizioni, proprio quest’ultimo veniva tratto in arresto in flagranza di reato nel capoluogo lombardo dalle Squadre Mobili di Piacenza e Bergamo in quanto trovato in possesso di un buon quantitativo di sostanza stupefacente: complessivamente di 463 grammi di hashish, 212 di marijuana, un bilancino di precisione, materiale da confezionamento e 1700 euro in banconote di vario taglio. Nel corso di un’altra perquisizione, sempre a riscontro dell’attività investigativa svolta, venivano invece sequestrati un bilancino di precisione, denaro e materiale da confezionamento.
Gli indagati sono al vaglio anche della Divisione Anticrimine per l’irrogazione di eventuali misure di prevenzione, al fine di prevenire la commissione di ulteriori reati».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scopre che il figlio 14enne si droga e denuncia gli spacciatori: cinque nei guai

IlPiacenza è in caricamento